AziendeMercati e Finanza

Intel prevede super risparmi, grazie a IoT e Big data

Intel potrebbe tagliare 12 mila posti di lavoro
0 9 Nessun commento

Dal 2017 Intel prevede 100 milioni di dollari di risparmi, grazie all’utilizzo di Internet of Things (IoT) e Big data

Internet delle cose e i Big data aiutano a tagliare i costi. Dal 2017 Intel prevede 100 milioni di dollari di risparmi, grazie all’utilizzo, nei processi produttivi, di Internet of Things (IoT) e Big data.

Intel prevede super risparmi, grazie a IoT e Big data
Intel prevede super risparmi, grazie a IoT e Big data

Intel ha uno staff IT di 6.319 dipendenti, che supportano 104.820 impiegati in 72 Paesi. Sono le cifre che emergono dal 2015-2016: Intel IT Annual Performance Report: From the Backroom to the Boardroom, che sottolinea il ruolo centrale dell’IT nelle imprese del futuro.

Il CIO di Intel Kim Stevenson precisa: “Ormai ogni business è tecnologico, e i dati rappresentano gli asset chiave, mentre i servizi trainano la monetizzazione”.

I big data e i sensori IoT migliorano e semplificano la gestione della produzione delle fabbriche.

I dati dei sensori vengono raccolti in ogni fabbrica, mentre il team addetto all’analisi dei dati IT di produzione ha sviluppato un tool in grado di processare oltre 5 miliardi di punti  al giorno di dati dei sensori” precisa il report.

Questo strumento rileva errori ed invia ad ogni piattaforma report visuali basati su HTML, da ogni luogo, per aiutare gli ingegneri a distinguere fra errori critici e non-critici.”

Intel spiega di aver ridotto sensibilmente il tempo necessario per analizzare e focalizzarsi su aree chiave, passando da 4 ore a solo 30 secondi. Tutto ciò permette di rispamiare 160 ore a trimestre e ridurre la spesa di circa 100 milioni di dollari dal 2017.

  • Cosa sapete di Internet Of Things (IoT)? Mettetevi alla prova con un Quiz.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici