Intel fra sicurezza e Wearable tech

AcquisizioniAziendeMarketing
Intel fra sicurezza e Wearable tech
2 0 Non ci sono commenti

Intel acquista PasswordBox e metterà i suoi chip su Google Glass

Intel vuole portare i suoi chip sulla Wearable tech, la tecnologia da indossare: i Google Glass adotteranno processori Intel, per concentrarsi meglio nel business. Google vuole infatti rifocalizzare gli occhialini hi-tech come device per il mondo del lavoro (sanità, assicurazioni, ingegneria eccetera) invece che orientati al consumer. E per sottolineare questa transizione, il passaggio ai chip Intel è emblematico. Intel che, da parte sua, non vuole ripetere gli errori commessi in passato: i ritardi nel mercato smartphone. Nella Wearable tech, l’ideale è essere pronti subito.

Intel fra sicurezza e Wearable tech
Intel fra sicurezza e Wearable tech

Intanto l’azienda di Santa Clara si dà allo shopping in ambito sicurezza. Intel acquisisce PasswordBox, un servizio di password management  da integrare nei suoi servizi. PasswordBox è un’azienda canadese con base a Montreal, dedicata all’identity management che consente agli utenti una modalità conveniente di effettuare il log in su siti ed applicazioni da ogni device senza dover ricordare o digitare password.

PasswordBox farà parte di Safe Identity con Intel Security Group, che è focalizzato nel semplificare e rafforzare la sicurezza, attraverso l’idea di ridurre la fatica di memorizzare dozzine di password. McAfee, acquisita per 7.7 miliardi di dollari nel 2011, è stata ribattezzata Intel Security Group. L’app PasswordBox, fondata nel 2012, vincitrice di un premio al Ces, è stata scaricata 14 milioni di volte.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore