Intel vede spiragli di luce nel mercato chip e promuove Atom

Aziende

Intel afferma di nuovo che il peggio sarebbe passato e che da metà 2009 il mercato tornerà alla normalità. Il Ceo Paul Otellini parla del passaggio a 32 nanometri sui system-on-chip di Atom e di Larrabee. Il vecchio Pc grande, grigio e noioso è morto

All’incontro annuale con gli investitori,Intel si dice ottimista e boccia il pessimismo di Gartner. Intel vede spiragli di luce nel mercato chip: afferma che il

peggio sarebbe alle spalle e che da metà 2009 il mercato tornerà alla normalità.

Il Ceo Paul Otellini parla del passaggio a 32 nanometri sui system-on-chip Netbook, smartphone e embedded (SOC): bisogna ridurre il computer a un chip, per trainare il mercato . I Netbook e smartphone rappresentano mercati da 10 miliardi di dollari entro il 2011.

Otellini ha anche delineato il nuovo rapporto con Taiwan Semiconductor Manufacturing, descritto come una profonda collaborazione sui chip Atom SOC per smartphone.

Anche i Nettop basati su Atom, computer da poche centinaia di dollari, rappresentano una opportunità. Larrabee è invece dedicato ai Pc di fascia alta per il gaming, come Voodoo e Alienware: il vecchio Pc grande, grigio e noioso è morto (The old big, beige, boring desktop is dead). Il passaggio a i 32 nanometri avverrà nel quarto trimestre.

A giugno arriveranno i CULV notebook, dotati di chip Consumer Ultra-Low-Voltage.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore