Internet a rischio in ufficio

Aziende

In uno studio realizzato da Trend Micro, emerge una rilevante mancanza di attenzione dei dipendenti quando navigano in Rete.

Quando navigano in Internet dall’ufficio, il 39% degli intervistati ha dichiarato di non usare alcuna accortezza, perché ritiene che il dipartimento It dell’azienda possa evitare o risolvere qualsiasi problema legato alla sicurezza. E’ il dato più eclatante che emerge dallo studio svolto da Trend Micro lo scorso luglio, che ha coinvolto più di 1.200 utenti finali aziendali negli Stati Uniti, Germania e Giappone. C’è una fortissima correlazione tra la presenza di un dipartimento It all’interno dell’azienda e le aspettative degli utenti in termini di sicurezza. Che essa riguardi virus, worm, spam, phishing o quant’altro. Il 63% di coloro che si affidano al controllo del dipartimento It aziendale, ammette di eseguire spesso collegamenti sospetti o di visitare siti Web poco raccomandabili; il 40% lo fa perché ritiene di essere coperto alle spalle. Un atteggiamento del genere, sottolinea Trend Micro, non solo è pericoloso, ma fa aumentare i costi dell’help desk. Il 40% dei tedeschi intervistati, per esempio, ha dichiarato di ricorrere spesso all’assistenza It per problemi legati alla sicurezza, sovente solo presunti. Il 38% di essi ha contattato il proprio dipartimento It per motivi di sicurezza nei tre mesi precedenti la ricerca. Una simile percentuale in una azienda con centinaia o migliaia di dipendenti, può generare seri problemi, sia nel contenimento dei costi che nella protezione degli investimenti. “Dati rivelatori come questi – ha dichiarato Max Cheng, executive vice presidente e general manager, enterprise business segment di Trend Micro – pongono l’accento sulle sfide che gli addetti ai sistemi informativi devono affrontare all’interno delle loro stesse aziende, e ciò dovrebbe motivarli ad assicurare una superiore protezione nell’intero ambito enterprise”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore