Internet: ancora troppi rischi per i minori

NetworkProvider e servizi Internet

Il Comitato Economico e Sociale Europeo ritiene urgenti nuove misure di legge a tutela dei minori

BRUXELLES. Nell’ambito del meeting del 5 ottobre scorso del Comitato Economico e Sociale Europeo è stata sostenuta la necessità e l’urgenza di nuove misure di legge utili a sostenere con maggior forza un utilizzo sicuro della rete, con particolare riguardo alla protezione dei minori dai rischi che un uso illecito può comportare. Questa la parte centrale del documento “Proposal for a decision of the European Parliament and of the Council on establishing a multiannual Community programme on promoting safer use of the Internet and new online technologies” presentato al CESE e su cui l’ assemblea consultiva – il cui compito fondamentale è la formulazione di pareri destinati agli organi decisionali rappresentati dal Parlamento europeo, dal Consiglio dell’Unione europea e dalla Commissione – dovrà esprimere un parere per il prossimo mese di dicembre e in considerazione del quale si decideranno le azioni future. Nel documento si è insistito su due eventuali azioni da intraprendere: quella relativa all’introduzione di un obbligo che per legge imponga agli operatori della rete, come gli Internet providers, di lavorare concretamente per la tutela dei giovani utenti; e quella che riguarda la messa a punto di misure di prevenzione sull’utilizzo delle carte di credito come strumento di pagamento per la diffusione e la distribuzione di materiale pedopornografico sulla rete. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore