Internet Explorer 8, Chrome e la gaffe della privacy

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

Microsoft voleva promuovere Internet Explorer attaccando il browser di Google. Ma le accuse a Chrome sono state cancellate dal sito

A Microsoft è venuto in mente di promuovere Internet Explorer 8 attaccando Google Chrome. Tutto lecito, anche se forse un po’ sopra le righe (Microsoft ha additato Chrome come un autentico pericolo per la privacy degli utenti), senonché le denunce di Microsoft sono finite nella pagina di errore 404.

ArsTechnica è riuscita però a leggere il contenuto dell’attacco frontale di Microsoft contro Google Chrome. Un attacco che in realtà ha un antefatto: il calo di Internet Explorer (soprattutto a vantaggio di Chrome) dopo il varo del Ballot Screen, per ottemperare alle decisioni Antitrust dell’Unione europea.

Microsoft contro Google ChromeMicrosoft contro Google Chrome: questione di privacy
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore