Internet MIUR; bambini malati non perdono le Lezioni e guardano la propria classe

AccessoriWorkspace

Scuola in Ospedale consente ai bambini costretti a lunghe degenze di nonperdere le lezioni e di rimanere in contatto anche visivo con la propria classe.

Il Ministero dellIstruzione dellUniversità e della Ricerca (MIUR) ha scelto la soluzione CleverPath Portal di Computer Associates per innovare il servizio Scuola in Ospedale e consentire ai bambini costretti a lunghe degenze di non perdere le lezioni e di rimanere in contatto anche visivo con la propria classe. Il progetto Scuola in Ospedale è stato strutturato alcuni anni fa e prevede lassistenza da parte di docenti specializzati ai bambini che, dovendo rimanere nella struttura sanitaria per lunghi periodi, rischiavano di riportare lacune formative. Nel corso degli anni il servizio è stato informatizzato, fino allintroduzione della videoconferenza che apporta ulteriori benefici didattici, consentendo allalunno di partecipare direttamente alle lezioni. A questo punto è stato progettato limpiego di un portale per garantire lautenticazione dellalunno e la fruizione di una serie di servizi. La scelta è ricaduta sulla soluzione CleverPath Portal di CA, che consente di integrare facilmente tutte le applicazioni progettate finora e quelle ancora da realizzare. Unaprimaproblematica risolta dalla soluzione di Computer Associates è quella dellautenticazione, per permettere il collegamento solo delle persone autorizzate il docente che assiste il ragazzo in ospedale, la scuola e anche i genitori, che possono in questo modo seguire lattività scolastica del bambino. La videoconferenza può essere impostata in modo unidirezionale, per ragioni di privacy e di rispetto del disagio dellalunno-paziente, ma questultimo è come se fosse presente a scuola, tanto che, in taluni casi, è possibile organizzare dei compiti in classe. Oltre alla connessione, è stato necessario prevedere lintegrazione di altri strumenti didattici, con la sincronizzazione di slide o limpiego di tecniche di tipo chat. Dopo la sperimentazione realizzata presso il reparto Ematologia del Policlino di Roma, il progetto prevede lestensione del servizio entro lestate ad altri cinque ospedali di Bologna, Genova, Milano, Napoli e Torino. In un secondo momento il progetto dovrebbe essere portato in tutti i 139 ospedali italiani dotati di struttura pediatrica. Al momento, il servizio è previsto per allievi della scuola elementare e media, ma sono in corso sperimentazioni anche per studenti delle scuole superiori. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore