Internet: pillole di comunicazione su register.it; spunti di riflessione a cura di totem

NetworkProvider e servizi Internet

Totem proporrà ai 40 milalettori della newsletter di Register.it spunti periodici di riflessione critica sulla comunicazione Internet

Milano – Totem società genovese di Web journalism e Web design, proporrà ai 40mila lettori della newsletter di Register.it , società del Gruppo DADA leader in Italia nellagestione dei domini Internet, spunti periodici di riflessione critica sulla comunicazione Internet. In effetti, a dieci anni dalla nascita del Web come fenomeno di massa, i linguaggi, i formati e gli stili su questo nuovo medium sono ancora spesso deludenti e non riescono a soddisfare le aspettative e i desideri di navigatori-lettori ormai maturi e sempre più esigenti. “E’ l’ora dunque – afferma Franco Carlini, fondatore di Totem – di fare un bilancio lucido delle cattive pratiche della comunicazione Web, ma anche, ovviamente, di quelle positive. E poiché il medium e’ in continua evoluzione, linguistica e tecnologica, e’ tempo di cominciare a disegnare le Next Practices, quelle che gli utenti richiedono e che non trovano”. I contributi di Totem proporranno ogni volta uno spunto breve, corredato di materiali di contorno, e saranno inseriti all’interno della newsletter mensile con cui Register.it aggiorna i propri clienti e rivenditori sui nuovi prodotti e sulle ultime novità dalla Rete. “Credo fortemente che lo stile con cui si comunica, sia a livello di grafica che di testo, sia uno tra gli elementi che concorrono maggiormente al successo di un sito Web”, afferma Claudio Corbetta, Amministratore Delegato di Register.it. “La partnership con Totem nasce proprio dalla volontà di fornire ai nostri clienti informazioni utili su come migliorare la propria presenza online e aumentare cosi’ le probabilità di successo del proprio business in Rete” – conclude Corbetta. Per segnalare la contraddizione in cui ogni comunicatore Web si dibatte, la prima pillola breve si intitolerà provocatoriamente “Il mito del testo breve” e sfaterà il luogo comune secondo il quale i contenuti di un sito devono essere necessariamente brevi per non scontentare le aspettative dei lettori Internet. “La grande maggioranza dei navigatori Web e’ matura ed esigente: solo alcuni continuano a fare del surfing da un sito all’altro, molti apprezzano invece la possibilità dello ‘snorkeling’ e magari anche del ‘diving’. Questi ultimi – gli esigenti – sono sempre di più e alla lunga costituiscono la vera clientela fedele di un sito: guai a deluderli.” – sostiene Carlini. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore