Internet: pubblicità ingannevole, anche internet oggetto di controlli più incisivi

NetworkProvider e servizi Internet

La legge n. 49 del 6 aprile 2005 rafforza le forme di tutela nei confronti della pubblicità ingannevole e comparativa diffusa per il tramite dei mezzi di comunicazione

ROMA. Approvate le modifiche all’articolo 7 del decreto legislativo n. 74/1992 in materia di messaggi pubblicitari ingannevoli diffusi attraverso mezzi di comunicazione. E’ quanto previsto dalla legge n. 49 del 6 aprile 2005 che rafforza le forme di tutela nei confronti della pubblicità ingannevole e comparativa diffusa per il tramite dei mezzi di comunicazione, attraverso l’ampliamento dei poteri dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. In base al nuovo provvedimento l’Autorità avrà il potere non solo di richiedere al proprietario del mezzo che ha diffuso il messaggio pubblicitario ogni informazione idonea a identificare il committente del messaggio, ma anche quello di richiedere all’operatore pubblicitario ovvero al proprietario del mezzo che ha diffuso il messaggio pubblicitario, di esibire copia del messaggio pubblicitario ritenuto ingannevole o illecito. Inoltre l’Autorità potrà comminare direttamente multe nei confronti di chi promuova prodotti attraverso messaggi non veritieri e di disporre la sospensione dell’attività di impresa nei casi di reiterata inottemperanza alle disposizioni legali. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore