Internet senza barriere con Fondazione Ibm Italia

NetworkProvider e servizi Internet

L’accessibilità su Web conquista un innovativo tool

Fondazione IBM Italia , in collaborazione con Fondazione ASPHI (Avviamento e Sviluppo di Progetti Informatici per ridurre l’Handicap mediante l’Informatica), lancia il progetto Web Adaptation Technology (WAT) per agevolare l’utilizzo di Internet da parte dei disabili. La soluzione è già stata donata a undici organizzazioni in Italia. Cuore del progetto e’ l’applicazione WAT, messa a punto da IBM per agevolare la fruizione di Internet da parte di utenti ipovedenti o con disabilità motorie attraverso l’adattamento delle pagine Web durante la navigazione, in base alle specifiche esigenze dell’utente. La soluzione viene resa disponibile in licenza annuale dalla Fondazione IBM Italia agli enti no profit individuati in collaborazione con la Fondazione ASPHI. Grazie ad un particolare sistema di accesso (login), l’applicazione Web Adaptation Technology consente di impostare la navigazione dell’utente in base alle proprie esigenze di visualizzazione, lettura e di utilizzo di tastiera e mouse. Le preferenze vengono salvate dopo il primo accesso e ogni volta che l’utente esegue il login sono richiamate dal database ed applicate alla navigazione Web. La visibilità delle pagine Web viene migliorata ingrandendo la pagina e le immagini selezionate, aumentando la dimensione dei comandi del browser, come la barra di scorrimento, il puntatore del mouse, i menu dei file, oppure utilizzando dei banner che, nella parte superiore dello schermo, visualizzano un’unica riga di testo ingrandita. La parte di testo può essere adattata in base alle esigenze personali per migliorarne la leggibilità; in particolare, è possibile modificare la dimensione, lo stile e il colore per avere un maggiore contrasto ed aumentare la spaziatura fra le righe e fra i caratteri. La confusione visiva sulle pagine Web viene ridotta modificando il layout di pagin a e nascondendo gli sfondi, le animazioni, le immagini. La soluzione inoltre consente inoltre adattamenti della tastiera e del mouse: navigazione tramite tasto di tabulazione e combinazione di tasti, associazione di un suono ai tasti per sapere quando vengono premuti, adattamento automatico della sensibilità della tastiera alla scrittura dell’utente, per ridurre gli errori di battitura dovuti alla pressione involontaria dei tasti. Le trasformazioni possono essere applicate in modo combinato; è così possibile per esempio impostare la lettura ad alta voce del testo e contemporaneamente riformattare la presentazione visiva della pagina, per renderla più comprensibile. Per ulteriori dettagli suggeriamo di consultare l’url: www.fondazioneibm.it .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore