Internet, strumento divino

Network

Il 25% degli americani cerca Dio online

Un utente internet su quattro in USA si è rivolto al web nellultimo anno in cerca di un sentiero spirituale. 3 milioni di persone lo fanno quotidianamente. Solo una piccola parte di questi sono frequentatori abituali di chiese o gruppi. Internet permette ai curiosi di cercare e trovare informazioni religiose nella massima sicurezza e privacy. Gli attacchi dell11 settembre hanno aumentato drasticamente questi numeri portandoli ai valori attuali. Il 41% degli utenti atei, perlomeno online, ha dichiarato di aver utilizzati la rete per inviare o ricevere messaggi spirituali o religiosi. Il 23% ha utilizzato la rete per informarsi sullIslam e il 7% ha fatti donazioni umanitarie via rete. Questi numeri, se paragonati ad altre aree dinteresse della rete, ci comunicano un positivo miglioramento nelle tendenze degli utenti. Oggi sono più gli utenti a navigare per scopi religiosi di quanti navighino in cerca di gioco dazzardo, avventure sentimentali, informazioni finanziarie e aste. Tra gli utenti che fanno della rete uno strumento religioso il 27% dichiara di averne avuto effetti positivi, il 35% ha scopi altruistici verso gli altri utenti del web, il 62% ritiene che avere tutto il materiale online aiuta ad essere più tolleranti verso gli altri popoli e infine il 53% crede che internet renda troppo facile per i gruppi estremisti raccogliere fedeli in tutto il mondo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore