Internet of Things, Hp consiglia di non trascurare la sicurezza

Internet of EverythingNetwork
Hp indaga i rischi connessi a Internet delle Cose (IoT) nella Connected Home
0 0 Non ci sono commenti

Hp mette in guardia dai rischi, dopo aver svolto un’indagine che dimostra un elevato grado di vulnerabilità dei sistemi di sicurezza per la casa connessa

Internet of Things (IoT) è un mercato dalle forti potenzialità e trainerà la crescita del mercato IT nei prossimi anni. Ma Hp consiglia di non trascurare l’aspetto della sicurezza legato a Internet delle Cose.

Il frigorfero che ci avverte se un alimento è in scadenza o in avariato stato di conservazione; il vaso da fiori che ci avverte di annaffiare le piante; la sveglia che ci sveglia prima se il traffico è più intenso del solito; la confezione dei farmaci che ci ricorda di assumere la medicina. Gli esempi utili di Internet of Things (IoT) sono numerosi, perché, oggetti, in grado di dialogare fra loro, possono ricevere istruzioni da remoto. Tuttavia, Hp mette in guardia dai rischi, dopo aver svolto un’indagine che dimostra un elevato grado di vulnerabilità dei sistemi di sicurezza per la casa connessa.

Hp indaga i rischi connessi a Internet delle Cose (IoT) nella Connected Home
Hp indaga i rischi connessi a Internet delle Cose (IoT) nella Connected Home

HP ha sfruttato HP Fortify on Demand per esaminare 10 sistemi di sicurezza per la casa IoT, con i relativi componenti applicativi mobile e cloud e ha rilevato che il 100% dei sistemi mostra sicurezza inadeguata nell’autenticazione a due fattori.

Pierpaolo Alì, Sales Director South Europe, HP Enterprise Security Product, ha spiegato che i IoT insicuri espongono a un rischio maggiore: “La diffusione dei dispositivi di controllo remoto costantemente connessi e accessibili continuerà ad aumentare, anche nel nostro Paese, grazie alla convenienza e all’utilità di queste soluzioni. I risultati del nostro studio, relativi all’assenza di funzionalità fondamentali di sicurezza, dimostrano l’importanza dell’educazione degli utenti rispetto all’uso sicuro delle soluzioni IoT. Si evidenzia inoltre la necessità per le aziende produttrici di affrontare adeguatamente e risolvere alla radice i problemi intrinseci di sicurezza dei propri prodotti evitando così di esporre inconsapevolmente i clienti a seri pericoli.

Il numero dei dispositivi wireless raddoppierà dalla fine del decennio. La maggior parte della crescita deriverà dagli smart device piuttosto che da PC e smartphone, secondo ABI Research.

Le dieci aree in cui Internet delle Cose avrà maggiore impatto nel girodei prossimi anni, vanno dalle costruzioni (settore edile) all’industria manifatturiera, dall’ambiente alle utility, dalle Smart city all’advertising, dai trasporti alle Connected Home (le case iper-connesse), dai negozi alla sanità.

IDC prevede che il mercato Internet of Things (IoT) raddoppierà dal 2018: valeva 2,3 miliardi di dollari a fine 2014, rispetto ai 1.900 miliardi di dollari del 2013. Ma il settore di Internet delle Cose raddoppierà nel 2018 a quota 4.600 miliardi di dollari, con un incremento superiore in Europa, grazie a cloud, mobile, big data e social media.

Conoscete Internet delle Cose? Misuratevi con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore