Interoperabilità è la nuova sfida di Microsoft

Workspace

La compatibilità tra il software di Microsoft e altri sistemi informatici segna una svolta nella politica di casa Redmond

Bill Gates dà una nuova stoccata all’open source: la nuova parola d’ordine, lanciata dal Presidente di Microsoft in persona in una email diretta alla propria clientela, declina verso l’interoperabilità, segnando un passaggio “storico” di Microsoft. Dopo la demonizzazione dell’open source, Microsoft apre un nuovo fronte di battaglia aperta in nome della compatibilità tra software e sistemi informatici diversi. L’impegno di Microsoft verso l’interoperabilità è stato visto come un segnale di sfida a tutto campo verso l’universo open source, contro cui recentemente il colosso di Redmond aveva scagliato altri strali per smitizzarne la fama legata alla sicurezza. Microsoft ha aperto infine un sito Web dedicato alla tematica della compatibilità: www.microsoft.com/interop . Il primo passo sarà rappresentato da studi e ricerche nel campo dell’Xml.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore