Inutili i nuovi Top-Level-Domain

NetworkReti e infrastrutture

Il timore è che, aumentando il numero di Top-Level-Domain, si creeranno
troppe partizioni all’interno della Rete

LOS ANGELES, USA. Ad affermarlo è il creatore del World Wide Web, Tim Berners-Lee, il quale in una comunicazione esprime il timore che aumentando il numero di Top-Level-Domain si creeranno troppe partizioni all’interno di una rete, che, invece, è mondiale e universale. In particolare, Berners-Lee si dimostra scettico nell’utilizzo di TLD quali .biz, .info, ecc. per due motivi. Il primo consiste nella circostanza che ciascuna società dovrà acquistare tutti i TLD per ogni nome in precedenza registrato (in sostanza le .com o . net, per esempio, dovranno acquistare anche tutti gli altri suffissi). In secondo luogo, questa tendenza porta a diluire la rilevanza di ogni singola registrazione, generando una frammentarietà contraria al principio universale del WWW. La conseguenza di tutto ciò potrà essere la diminuzione di importanza della rete in se’, se non proprio «la distruzione di una parte essenziale del web», afferma Berners-Lee. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore