iPhone 5 aspira al 4G Lte e iPad 2 ai 7 pollici e alle videochat

AcquisizioniAziendeMarketing

Tutte le idiscrezioni su iPhone 5 e iPad mini. Apple ha intanto acquisito Polar Rose, azienda specializzata in tool per il riconoscimento facciale

Il gossip di Apple non si ferma mai: le ultime indiscrezioni riguardano le aspirazioni di iPhone 5 e di iPad 2. Vediamo cosa si vede nella palla di cristallo della Mela di Cupertino: l’analista di Rodman & Renshaw, Ashok Kumar, afferma che iPhone 5 sarà il primo smartphone di Apple con il supporto al 4g (Apple ha scelto LTE o Long Term Evolution, al posto del WiMax). Stando all’eco dei rumors, Qualcomm fornirà i chip supplier sia per l’iPhone che andrà a scaffale con Verizon (alla fine dell’esclusiva con At&t), basato su standard CDMA, sia per l’iPhone 5. L’iPhone 5 userà un modem two-chip per consentire all’azienda di creare prodotti 3G e 4G. Lte sta aprendo le danze solo ora: secondo Ericsson, sulle reti 3G di tutto il mondo sono stati trasmessi una media di 225mila Terabyte al mese nel secondo trimestre 2010. Il traffico dati è triplicato in 12 mesi. La banda larga mobile sarà usata da 3,4 miliardi di utenti entro il 2015, contro i 360 milioni del 2009.

Apple ha inoltre acquisito Polar Rose, azienda specializzata in tool per il riconoscimento facciale (sarà una funzionalità dei prossimi iPhone).

Ma una valanga di indiscrezioni investe anche il mini iPad da 7 pollici, di cui si chiacchiera da settimane. Un iPad bonsai serve a Apple per contrastare l’aggressivo Samsung Galaxy Tab, i cui punti di forza sono il display tascabile e la possibilità di video-conferenze. Poiché iPhone e  iPod Touch con il sistema operativo iOs 4.1 già supportano la videochat Wi-Fi nota come FaceTime, è probabile che il prossimo iPad apra alle videoconferenze con una Web cam.

Apple ha venduto 3.3 milioni di iPad in 10 paesi. Apple ha iniziato a vendere iPad in Cina il 17 settembre. Secondo un’originale recensione di ZdNet, iPad (che funziona da e-reading, visione video ed immagini, e gaming) “fa bene solo due cose”: la lettura e il gioco dello Scarabeo.

Infine ancora una volta Apple sbanca in tema di “soddisfazione clienti”: nella classifica American Customer Satisfaction Index (ACSI), Apple ha ottenuto 86 punti su 100, il più alto punteggio della Mela dal 1995. A rendere i clienti Apple soddisfatti è il controllo sui prodotti da parte dell’azienda fondata da Steve Jobs e l‘ecosistema di hardware connesso ai suoi software, iOS, iTunes e Mac OS X.

Apple iPad 2 da 7 pollici
Apple iPad 2 da 7 pollici
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore