ISP e produttori di high-tech insieme per combattere il flagello dello spam

NetworkProvider e servizi Internet

Venerdì scorso si sono riuniti al JamSpam di San Francisco rappresentanti di VeriSign, America Online, EarthLink, IBM, Microsoft, Yahoo, AT&T, Dell, Novell, Oracle, Sendmail, Sun Microsystems, Nokia, Network Associates e molti altri.

I partecipanti, al loro secondo incontro, hanno discusso le possibilità tecniche e legali, nonché le pratiche migliori, che potrebbero eliminare lo spam proteggendo al contempo gli interessi commerciali dei diversi gruppi. Lo spam comprende una grande varietà di email pubblicitarie, che vanno da offerte di prestiti a offerte di Viagra o pornografia. Lenorme quantità di annunci pubblicitari non richiesti può ostruire le caselle di posta dei dipendenti e rallentare le reti aziendali. Il sito web di JamSpam ha una posizioni molto dura contro luso delle blacklist, che sono sviluppate sulla base di un incontrollato processo globale di vigilanza. Le blacklist sono tecnologie che usano lindirizzo IP come unico identificativo di un sistema trovato a inviare email pubblicitarie. Le blacklist, che sono spesso utilizzate da compagnie commerciali, scuole e altre organizzazioni per controllare lo spam, sono generalmente considerate una soluzione molto lontana dalla perfezione. Le imprese sono tipicamente confuse su quali siano le migliori tecniche anti-spam, così generalmente vanno a tentativi, sostiene David Freund, analista di Illuminata Inc. Date le attuali infrastrutture dei sistemi di posta elettronica , il tipo di strumenti che sembra funzionare meglio è una combinazione di motori basati su regole e analisi statistiche Bayesiane. Indubbiamente il reale problema per una soluzione allo spam è linfrastruttura dei sistemi email di internet, secondo Freund. Finché le persone e le organizzazioni potranno inviare email senza un sistema di autenticazione, non ci sarà una soluzione praticabile. Per esempio, la ragione per cui i fax pubblicitari non rappresentano più un problema, risiede nel fatto che la persona che invia un fax ha un numero di telefono che può essere rintracciato. Inoltre, esiste una legislazione che vieta linvio di fax pubblicitari non richiesti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore