Istat 2011: A che punto è l’Itc in azienda

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Istat

Il report Istat denuncia una connessione sotto i 10 Mbps, l’e-commerce che non decolla e difficoltà nei rapporti con la pubblica amministrazione. I dati nel dettaglio

Il report Istat si intitola “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle imprese” (Pdf). Ma il 94,3% delle imprese con almeno 10 dipendenti è connesso a Internet, ma solo il 62.2% ha un sito Web. Se Internet è ormai consolidata, su altri fronti c’è da lavorare: solo il 35% delle aziende prevede un grado elevato di interazione con gli utenti.

Il report Istat denuncia una connessione sotto i 10 Mbit al secondo e difficoltà nei rapporti con la pubblica amministrazione. Solo il 39% delle aziende italiane compila moduli online, contro una media Ue di 69%. Infatti alcune procedure elettroniche risultano dispendiose in termini di tempo, oppure farraginose perché necessitano dell’ invio di documenti cartacei o addirittura la presenza fisica. Anche l’e-commerce non decolla: riguarda  tre imprese su 10, ma solo il 5,4% vende in Rete; e la vendita online detiene appena il 5% del fatturato totale, quasi tutto a favore dell’editoria e del settore alberghiero.

La banda larga mobile sta compiendo un salto in avanti: in Italia, passa dal 19% del 2010 al 47% del 2011. A livello europeo, nel 2011 il 47% delle aziende aveva un accesso ad internet mobile, rispetto al 27% del 2010.

Esiste un gap fra piccole e grandi imprese, pari a 30 punti percentuali. Il divario si misura nell’usodi tecnologie di terza generazione per l’accesso a Internet con dispositivi mobili, l’invio online di moduli compilati alla PA, lo smaltimento online di intere procedure amministrative, l’impiego di software per la condivisione di informazioni all’interno dell’impresa, il commercio elettronico.

Va meglio il Green IT: un’azienda su due scommette sul risparmio energetico. Anche se 9 aziende su 10 sono online, devono meglio impostare la loro strategia sul Web. Internet ormai vale il 3% del Pil (dalla ricerca del Boston Consulting Group “Fattore Internet: come internet sta trasformando l’economia italiana”). Per ogni euro investito nelle rete, se ne generano 2,5 di indotto. Le aziende devono capire che Internet e l’Ict sono una leva per l’economia.

Leggi anche il Rapporto Istat sull’Ict in azienda del 2010

Istat
L'Istat: a che punto è l'Itc in azienda
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore