Istat: 22 milioni di italiani non navigano online

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Istat: L'accesso a Internet in Italia è sotto la media Ue
1 1 Non ci sono commenti

L’Italia è agli ultimi posti in Europa per il numero di cittadini che non
utilizzano la Rete. Più della metà degli utenti però accede a Facebook e
Twitter. L’istantanea dell’Istat sull’Italia digitale

Sono 22 milioni gli italiani che non navigano in Rete. Lo riporta l’Istat. Dopo la denuncia di Eurostat sul divario culturale italiano, arriva la fotografia dell’Istat. In Italia aumenta la percentuale di famiglie che accedono ad Internet da casa e con una connessione a banda larga (rispettivamente dal 60,7% al 64% e dal 59,7% al 62,7%), soprattutto, sono le più connesse le famiglie con minorenni in casa (l’87,1% ha un Pc, l’89% ha accesso ad Internet da casa).

Oltre la metà degli utenti (57%) usa internet per inviare messaggi su Facebook e Twitter. L’indagine sulle famiglie «Aspetti della vita quotidiana» misura un progresso, soprattutto nell’ambito delle famiglie con un minorenne in casa, ma non è sufficiente, a causa del dato riferito a chi non si è mai connesso.

Istat: 22 milioni di italiani non navigano online
Istat: 22 milioni di italiani non navigano online

Nelle famiglie disoli anziani Over65, soltanto il 17,8% dispone di un Pc e appena il 16,3% ha una connessione per navigare in Rete.

Nell’ultimo anno si è ridotto il divario tra le famiglie che hanno come capofamiglia un dirigente, un imprenditore o un libero professionista e le famiglie che hanno come capofamiglia un operaio:  nel caso del telefono cellulare, il divario scende dal 23,5% al 16,1%; nell’accesso ad Internet da casa dal 18,7% al 13,6%; nella disponibilità di una connessione a banda larga dal 18,6% al 14,4%.

Dall’istantanea dell’Istat si conferma il divario Nord-sud: nel Centro-nord le famiglie con Pc ed accesso ad Internet da casa sono rispettivamente il 66% e il 66,6%, contro il 57,3% e il 58,3% delle famiglie dell’Italia meridionale. Il ritardo è anche nella connessione alla banda larga: 56,4% contro 65,4% del Centro-nord.

Se l’uso del Pc è fermo al palo, cresce l’utilizzo del Web (+2,5%). Aumenta l’uso quotidiano di Internet (+3,3%).

Nel 2014 il 34,1% degli italiani con più di 14 anni si è rivolto all’e-commerce per acquistare merci o servizi. L’e-commerce è in crescita soprattutto nei settori dedicati alla casa (+5,1%) , alla moda e agli articoli sportivi (+3,8%).

Il cloud è declinato al maschile soprattutto: il 30,2% degli uomini contro il 26,1% delle donne (persone tra i 18 e i 34 anni) usano spazi per l’archiviazione/condivisione su Internet.

Otto cybernauti su dieci usano la Rete per inviare o ricevere e-mail, il 62,7% per comunicare in chat, blog, forum di discussione online e per la messaggeria istantanea, più della metà (57%) per accedere nei social network, Facebook e Twitter. Il 37,3% effettua telefonate via Internet. Tutte queste attività social spopolano soprattutto fra i ragazzi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore