Istat – Fub: Solo un italiano su due naviga in Rete

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Istat - Fub: Gli italiani non navigano in Rete quanto i cittadini europei
0 4 Non ci sono commenti

Esiste uno spread digitale. Solo il 56% degli italiani usa il Web contro la media del 78% della Francia, dell’80% della Germania e dell’87% del Regno Unito. L’analisi dell’Istat con la Fondazione Ugo Bordoni (Fub)

Esiste anche uno spread digitale, un divario fra l’Italia e il resto d’Europa. Solo il 56% degli italiani usa il Web contro la media del 78% della Francia,  dell’80% della Germania e dell’87% del Regno Unito. Solo un italiano su due naviga in Rete contro una media europea del 72%. Questi dati emergono dall’indagine “Aspetti della vita quotidiana” (anni 2005-2013) condotta dall’Istat con la Fondazione Ugo Bordoni.

Peggio dell’Italia fanno solo Bulgaria (51% della popolazione) e Romania (45%), fanalini di coda dell’Europa. Ma l’Italia paga a causa dell’età avanzata della popolazione: la fascia d’età più giovane della popolazione (16-24 anni) è in linea con l’Europa.

Invece non ha mai navigato in Rete il 34% degli italiani. Una percentuale troppo alta rispetto al 14% della Francia, al 13% della Germania, all’8% del Regno Unito e alla media Ue del 20%.

Ma l’Italia è in fondo alle classifiche anche per l’accesso a internet da casa: nel 2013, le famiglie che accedono a Internet sono il 69%, contro la media Ue del 79%, dell’88% in Germania, dell’88% nel Regno Unito e dell’82% in Francia. Nei Paesi Bassi, il 95% delle famiglie accede alla Rete.

Istat - Fub: Gli italiani non navigano in Rete quanto i cittadini europei
Istat – Fub: Gli italiani non navigano in Rete quanto i cittadini europei

Ma nella fotografia dell’Istat – Fub osserviamo anche un divario di genere. Non naviga in Rete il 46% contro il 35,1% degli uomini. “L’Italia è indietro per l’uso di internet ma c’è anche una evoluzione rapida di alcuni fattori, quindi, a mio parere, c’è la possibilità di migliorare fortemente questi numeri con delle azioni mirate”, ha affermato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva.

Utilizzatori forti del Web sono il 37,4% degli uomi contro il 29% delle donne. In Italia i cyber navigatori regolari nel 2013 erano 19 milioni (33,1% della popolazione), gli utenti deboli (almeno una volta a settimana) circa 10 milioni (17%), gli utenti sporadici 1.5 milioni (2,7%), mentre gli ex utenti (coloro che avevano utilizzato il web oltre 3 mesi prima della rilevazione) erano circa 2.5 milioni (4,5%).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore