Istat: Gli italiani online sono sotto la media Ue

NetworkProvider e servizi Internet
Istat: L'accesso a Internet in Italia è sotto la media Ue
3 0 Non ci sono commenti

Il 57,3% della popolazione italiana, meno di sei italiani su dieci, ha navigato in Rete nel 2014. Tre regioni italiane crollano sotto il 50%. Ma in Europa accede a Internet il 72% dei cittadini

Il 57,3% degli italiani, meno di sei italiani su dieci dai 6 anni in su, ha navigato in Rete nel 2014. Il 36,9% accede a Internet almeno una volta ogni giorno. Ma in Europa è connesso il 72% dei cittadini. Il rapporto Istat, intitolato “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo“, giunto alla settima edizione, mostra il divario fra Italia e l’Europa.

Istat: L'accesso a Internet in Italia è sotto la media Ue
Istat: L’accesso a Internet in Italia è sotto la media Ue

Grazie ai giovani, l’Italia ha compiuto passi avanti: dal 2001 al 2014 la percentuale di utenti di Internet è aumentata di oltre il 30%, mentre il numero di utenti che si collega al Web ogni giorno è quintuplicata, passando dal 7,1% del 2001 al 36,9% del 2014. Tuttavia il Paese è ancora lontano dalla media europea.

Le più connesse a Internet sono le nuove generazioni: quasi tutti i ragazzi nella fascia d’età fra i 15 e i 24 anni sono cyber-navigatori, più della metà accede al Web ogni giorno.

Ma la demografia rema contro, visto che in Italia ci sono 154 anziani ogni 100 giovani.

L’Italia è fanalino di coda con Grecia (56%) e Portogallo (58%), mentre Lussemburgo, Paesi Bassi e Svezia svettano in cima alla classifica con il 92%.

Ma l’Italia, dal punto di vista geografico, è disomogenea nell’accesso a Internet. Con il 60,9% il Centro-Nord si avvicina un po’ di più alla media europea: vince Bolzano con il 67,3%, seguita dalla provincia autonoma di Trento (63,1%), Lombardia e Friuli-Venezia Giulia (entrambe al 62,9%).

Al Sud la percentuale crolla al 50,5%: le regioni meno connesse, sotto il 50%, sono Basilicata (47,3%), Puglia (48,1%) e Calabria (48,3%).

Sotto il profilo di genere, gli uomini superano le donne di 9,6 punti: 62,3% contro il 52,7%. Ma fino ai 44 anni le differenze di genere sono azzerate, mentre affiorano tra i 45 e i 74 anni.

Lo scorso dicembre, l’Istat aveva spiegato che con 22 milioni di italiani fuori dalla Rete, l’Italia è agli ultimi posti in Europa per il numero di cittadini che non utilizzano la Rete. Più della metà degli utenti però accede a Facebook e Twitter.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore