Istat: I bambini italiani sempre più connessi

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Bambini al Pc

Figli unici, i bambini in Italia crescono usando Pc, console, telefonini e navigano sul Web. Nove ragazzi su dieci fra gli 11 ed i 17 anni utilizza il cellulare

L’Istat fotografa il rapporto fra i bambini italiani e le nuove tecnologie. Figli unici (al 25,7% contro il 23,8% del ’98), i bambini in Italia crescono usando Pc, console, telefonini e navigano sul Web. Nove ragazzi su dieci fra gli 11 ed i 17 anni utilizza il cellulare.

Vediamo nei dettagli i dati dell’Istat. Radoppia l’uso del cellulare nella fascia d’età fra 11-17 anni (dal 55,6% del 2000 al 92,7% del 2011). Ma l’impennata avviene fra i piùà piccoli, nella fascia d’età tra gli 11 e i 13 anni: dal 35,2% all’86,2%, mentre nella fascia fra i 14 e i 17 anni l’uso del cellulare è passato dal 70,4% al 97,7%. Nel 2011 il 67,3% dei bambini e ragazzi di 6-17 anni adopera il cellulare e il 56,4% ne ha uno personale.

Il cellulare è sempre più smart, tanto che viene usato meno per telefonare (cala dal 20,3% al 3,9%) fra 11-17enni.  Vince la navigazione Web: i 6-17enni sono sempre più connessi (dal 34,3% nel 2001 al 64,3% nel 2011); nella classe d’età 11-17 anni il balzo è evidente, dal 47,0% al 82,7%.

Dal 2001 al 2011 i bambini con età fra i 3 ed i 17 anni che usano il Pc sono aumentati: dal 55,8% al 62,1%; anche la navigazione Internet (6-17 anni) è esplosa, passando dal 34,3% al 64,3%. La passione per i videogiochi conquista il 65,8% dei ragazzini. Ma i bambini non dimenticano il gioco tradizionale: dai 3 ai 5 anni le bimbe amano le bambole (86,4%), e i maschi macchinine e trenini. Tra i 6 e i 10 anni il 77,7% delle femmine disegna, mentre il 74,2% dei maschi preferisce il pallone. Hi-tech e nativi digitali, ma ancora tradizionalisti.

La ricerca dell’Istat merita di essere letta confrontandola con la ricerca di NetConsulting commissionata da CA Technologies sui Millennials, che sono coloro, tra i 18 e i 30 anni, che entrano in azienda in questo millennio, portando in dote la loro innata predisposizione per smartphone, computer, tecnologia, social network. Non sono i nativi digitali (più giovani dei Millennials), non sono neanche la trofy generation (quelli che hanno bisogno del trofeo come riconoscimento costante dei propri meriti). Sono coloro che vivono naturalmente sempre connessi.

Dì la tua in Blog Café: L’invasione dei Millennials

Bambini al Pc

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore