IT 2006: l’Italia spenderà meno dell’Europa

Management

Secondo Gartner, le imprese italiane hanno pianificato un incremento di spesa dell’1,5%

Le imprese italiane non spenderanno in IT più del +1,5% rispetto al 2005, assestandosi su valori inferiori ai livelli di crescita dei budget IT della maggior parte dei paesi europei. Il dato è contenuto nell’indagine “IT Spending Italia 2005 ? 2006” realizzata da Gartner. L’indagine ha coinvolto 300 CIO di tutto il mondo, di cui circa 30 italiani. I risultati sottolineano come l’aumento della spesa IT in Italia sia in linea con la crescita stimata del PIL 2006 (+ 1,5%). L’incremento è inferiore a quello della spesa IT degli altri paesi europei, con l’eccezione di Francia, Belgio e Olanda. Entrando nel dettaglio dell’indagine italiana, delle circa 30 aziende italiane, solo il 7% ha pianificato una riduzione dei budget IT. Nel 10% dei casi hanno affermato che i loro budget IT per il 2006 saranno della stessa entità di quelli del 2005; tutte le altre aziende hanno preparato un piano per aumentare i loro budget IT. Tra le aziende italiane monitorate dall’indagine, i valori di spesa IT variano notevolmente. Un’analisi “cross-industry” (che quindi comprende tutte le aziende italiane) mostra che la spesa IT come percentuale del fatturato si attesta nel 2005 intorno al 5.7%. Tuttavia, non considerando le sei aziende che spendono di più, i risultati finali variano in modo sensibile raggiungendo un livello medio di investimento dell’ IT pari al 2.2% del fatturato lordo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore