Italia 39ª per volume di e-mail spazzatura

CyberwarSicurezza

Il problema della spazzatura imperversa sulle strade virtuali della comunicazione. Un report Sophos classifica i Paesi che hanno prodotto il maggior volume di spam pro capite

In questa classifica USA e Cina cessano di essere i principali responsabili dello spam internazionale, sostituiti da Paesi come Pitcairn (un arcipelago di quattro isole nel Pacifico) e altri più noti paradisi fiscali.

Nel 2007 i Paesi che hanno generato la maggiore quantità di spam pro-capite sono stati nell’ordine: Pitcairn, Niue, Tokelau, Anguilla, Faroe Island, Monaco, Bermuda, Falkland Island, Andorra e Aruba.

Considerando il volume di spam in rapporto alla popolazione, l’Italia è 39ª, gli Stati Uniti si piazzano in 64ª posizione, la Russia in 45ª, mentre la Cina precipita al 132º posto.

In assoluto, comunque, la maggior quota di e-mail spazzatura è partita nel 2007 dagli USA. “A causa dei numerosi computer controllati dagli hacker, tra ottobre e dicembre 2007, gli USA hanno prodotto un volume di spam ben superiore a qualsiasi altra nazione” ha dichiarato Walter Narisoni, Sales Engineer Manager di Sophos Italia.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore