In Italia ReLicense apre al software di seconda mano

ManagementMarketing
Ocse: Italia è PMI friendly, ma può fare di più
3 4 Non ci sono commenti

Le aziende clienti di ReLicense possono risparmiare fino al 70% dei costi di licenza. Nominato Corrado Farina nel ruolo di Territory Manager

ReLicense, azienda di compravendita di licenze software di seconda mano, apre i battenti in Italia. Le aziende clienti potranno risparmiare fino al 70% dei costi di licenza, per spingere il software usato nel mercato di seconda mano. ReLicense ha nominato Corrado Farina nel ruolo di Territory Manager. ReLicense AG opera esclusivamente sul mercato enterprise, dove si dedica a trasferire la proprietà di licenze software Microsoft tra aziende ed organizzazioni. Dopo aver riscosso i primi significativi successi in Germania, l’azienda ha ampliato progressivamente le proprie attività agli altri paesi europei, e ora sbarca in Italia.

Sebbene nuova in Italia, la vendita di licenze software usate è già una solida realtà in altri paesi Europei. Nel luglio 2012, una sentenza della Corte Europea di Giustizia ne ha ufficializzato l’assoluta legalità, offrendo ulteriore spinta ad un giro d’affari che attualmente vale 2 miliardi di euro a livello mondiale, concentrati principalmente in Europa. Germania e Svizzera sono i mercati in cui questa pratica si è inizialmente diffusa, per poi estendersi gradualmente agli altri paesi d’Europa, supportata man mano da sentenze legali favorevoli, che hanno equiparato le licenze software agli altri asset aziendali, con la possibilità quindi di iscriverle a bilancio e di trasferirle ad altre realtà.

Il risparmio per le aziende che decidono di acquistare licenze software usate incide tra il 40 ed il 70 per cento rispetto ai prezzi del software nuovo Ma anche chi vende licenze software che non usa più – parzialmente o totalmente – può recuperare una parte dell’investimento iniziale.

I clienti di ReLicense spaziano in tutti i settori merceologici: dall’industria all’aerospaziale ai trasporti, dal retail fino alle banche, alle assicurazioni, alla moda; dalle municipalità agli enti locali. Finora, l’azienda ha registrato un valore medio del deal superiore ai 25.000 euro.

ReLicense propone un modello di business particolarmente accattivante nel momento di incertezza economica generale che stiamo vivendo, a livello locale ed internazionale”, precisa Corrado Farina. “Nel corso di un paio d’anni siamo stati in grado di creare un mercato completamente nuovo, rispondendo in modo efficace alle necessità specifiche dei clienti. Ora contiamo di portare questo modello anche in Italia, consci del mercato potenziale che questa nostra proposta può avere.

ReLicense rivende software di seconda mano: risparmi fino al 70% per le PMI @shutterstock
ReLicense rivende software di seconda mano: risparmi fino al 70% per le PMI
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore