Itinerari digitali

Management

Microsoft AutoRoute 2003 La nuova versione, ancora più ricca di informazioni, si può utilizzare con Pocket PC e supporta il Gps, ma non è priva di limiti

Quando si vuole pianificare un viaggio può tornare utile avere a disposizione un buon atlante digitale, anche se in qualche occasione dovremo comunque rimpiangere la vecchia mappa di carta. AutoRoute 2003 può soddisfare, infatti, le esigenze di chi desidera pianificare i propri itinerari turistici da casa e vuole poter gestire le informazioni sia sui sistemi portatili, sia sui palmari, anche con il Gps. AutoRoute non è adatta invece per un utilizzo professionale. Questa edizione, aggiornata per quello che riguarda le mappe di Italia e Spagna, comprende ora anche le carte stradali di Svezia e Portogallo per un totale di 13 Paesi, praticamente tutti quelli dellEuropa Occidentale. Il database di informazioni è ricchissimo, sono catalogati più di 55.000 alberghi, 119.000 ristoranti e 8.400 musei, le stazioni di servizio, le officine meccaniche, le aree di sosta e persino le postazioni Bancomat. Ci sarebbe piaciuto trovare però una maggiore precisione nelle carte delle nostre città e la possibilità di raggiungere le piccole vie dei paesi e dei comuni minori, cosa non sempre agevole e in alcuni casi impossibile per piccole incongruenze nel database. Può capitare così di ritrovare un piccolo comune ma di non poterne riconoscere le vie, oppure di non riuscire a trovare gli alberghi più rinomati di alcune località turistiche (per esempio sul Lago di Como), ma allo stesso tempo di individuare ristoranti relativamente sconosciuti in zone meno frequentate. Le scelte di inclusione nel database di AutoRoute 2003 sembrano relativamente incoerenti. Il motore che genera gli itinerari è potente e preciso. Richiede di essere configurato al meglio, per evitare di essere condotti alla meta con giri tortuosi – per esempio se si sceglie di privilegiare allo stesso modo tutti i tipi di strade – ma è davvero efficiente una volta impostate le preferenze con attenzione. In questo senso abbiamo rilevato una certa imprecisione solo nei percorsi che prevedono uno spostamento allinterno delle aree pedonali delle città in cui, a volte, non sono state riconosciute le giuste direzioni di marcia; è importante anche conoscere i nomi delle vie completi (nome e cognome, oppure provare a non digitare la parola Via/Viale, ma spesso non cè una regola precisa) pena la possibilità di non trovare il riferimento esatto. Sulla mappa non sono mai visualizzati i sensi unici delle strade. AutoRoute 2003 ha tutte le carte in regola invece per poter essere consultata ovunque, se si utilizzano i Pda che sfruttano Pocket PC e Pocket PC 2002. Grazie a PocketStreets si possono copiare le carte dal Pc al palmare, ricercare una località o un indirizzo e trovare la propria posizione con il dispositivo Gps. Laggiornamento della posizione è impostato con un intervallo di tempo di 15 secondi e si può scegliere lopzione per visualizzarsi sempre al centro della mappa. Il ricevitore Gps che si sceglie di utilizzare in abbinamento con AutoRoute 2003 deve essere compatibile con lo standard Nmea (National Marine Electronics Association) e linterfaccia deve essere configurata con il parametro Nmea 0183 versione 2.0 o successive. Non sempre è possibile adattare alla perfezione la ricezione dei segnali del Gps rispetto alla carta perché il software non provvede allautoconfigurazione secondo quelle che sono le conformazioni idrogeologiche reali. In un prodotto di questa fascia, in verità, sarebbe sorprendente il contrario.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore