Itu: Due miliardi di utenti online e 200 mila Sms al secondo

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace

L’Unione internazionale delle telecomunicazioni (Itu), agenzia specializzata dell’Onu, prevede che sarà online il 30% della popolazione mondiale. Inoltre gli Sms spediti è triplicato negli ultimi tre anni: a quota 6.100 miliardi nel 2010

L’Unione internazionale delle telecomunicazioni (Itu), agenzia specializzata dell’Onu, ha rilasciato un documento in cui stima che entro fine 2010 il 30% della popolazione mondiale sarà in Rete: una folla di 2 miliardi di cyber-nauti navigherà online. Il numero di messaggi testuali al cellulare trasmessi nel mondo e’ triplicato negli ultimi tre anni a quota 6,1 trilioni di Sms. Siamo passati dai 1.800 miliardi stimati per il 2007 a 6.100 miliardi nel 2010: circa 200.000 sms al secondo.

Mentre il 70% del fatturato di Apple arriva dal Mobile, le stime dell’agenzia specializzata dell’Onu (5,3 miliardi di abbonamenti alla telefonia mobile e due miliardi di utenti di Internet) dimostrano la vitalità della Rete. Ciò però non significa che il Digital divide sia stato colmato: anzi, i cellulari in certe aree dell’Africa sono l’unico mezzo per connettersi a Internet.

Proprio l‘ultimo rapporto di Cisco, redatto con l’Università di Oxford, mostra lo stato della banda larga nel mondo: il Bandwith Divide esiste. Nella classifica annuale sullo stato della banda larga nel mondo, da cui emerge che la Sud Corea è la regina del broad band con il 100% di penetrazione, mentre gli Usa sono solo 15esimi (a parità di Francia e Canada, come Ftc e il Presidente Obama ben sanno). L’accesso alla banda larga negli Stati Uniti è però cresciuto negli Usa dal 69% del 2009 al 75% del 2010. L’Italia è 26esima su 30, con 72 punti dai 68 del 2009 e dai 63 del 2008: dietro a Romania, Lituania e Malta. Fanalini di coda sono Polonia e Slovacchia con soli 60 punti. Ai primi posti alle spalle di Corea svettano anche Giappone e Svezia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore