ITU: Metà del mondo sarà connesso da fine anno

NetworkReti e infrastrutture
ITU: Metà del mondo sarà connesso da fine anno
1 5 Non ci sono commenti

Ma si tratta soprattutto del mondo sviluppato, perché il digital divide resiste, secondo l’agenzia dell’ONU. I dati dell’ITU

Entro fine 2016, metà della popolazione mondiale accederà alla Rete, grazie al declino dei prezzi delle connessioni mobili. Ma si tratta soprattutto del mondo sviluppato, perché il digital divide resiste, secondo l’agenzia dell’ONU. Infatti, nei Paesi sviluppati l’80% della popolazione usa Internet, ma si connette al Web solo il 40% della popolazione dei Paesi emergenti e meno del 15% dei Paesi meno sviluppati. Lo riporta Reuters.

ITU: Metà del mondo sarà connesso da fine anno
ITU: Metà del mondo sarà connesso da fine anno

Il nuovo report dell’International Telecommunications Union (ITU), nei Paesi più poveri e fragili dell’Africa accede alla Rete solo una persona su dieci. In divario digitale sono soprattutto donne e persone meno istruite, più povere e che vivono in aree rurali.

A livello globale, il 47% della popolazione è online, ma la percentuale è ancora distante dall’obiettivo delle Nazioni Unite di far accedere il 60% della popolazione dal 2020. Circa 3.9 miliardi di persone, più della metà della popolazione mondiale sono ancora escluse dall’innovazione. ITU prevede che 3.5 miliardi di persone avranno accesso da fine di quest’anno, superando il giro di boa del 50%.

A trainare la crescita è soprattutto il Mobile nei Paesi emergenti, grazie alla diffusione delle reti 3G e 4G. I Paesi meno sviluppati hanno raggiunto i livelli dei Paesi sviluppati nel 1998, dunque sono vent’anni indietro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore