Itu, semaforo verde al caricabatterie universale per cellulari

Mobility

Basta alla giungla di caricatore: l’agenzia Onu per le Tlc dà il via libera all’Ucs, il caricatore unico per i telefonini, già approvato dalla Ue. L’idea è del radicale italiano Marco Cappato

L’International Telecommunication Union (Itu), agenzia Onu per le Tlc, ha dato l’ok al caricatore unico per cellulare, che già aveva ricevuto il semaforo verde della Ue.

Tutti gli utenti beneficeranno dalla nuova Universal Charging Solution (Ucs), che permette allo stesso caricatore di essere utilizzato per qualsiasi dispositivo, indipendentemente dalla marca e dal modello“, commenta l’Itu. “Alcuni produttori stanno già incorporando l’Ucs nei loro telefoni”, ha spiegato a Reuters un portavoce dell’agenzia.

Uno studio del 2006 indicava in 50 milioni i caricabatterie inservibili, e da cestinare, ogni 20 mesi solo in Francia. Ricordiamo che l’idea dello s top alla giungla di carica batterie è un’idea dell’europarlamentare italiano, il radicale Marco Cappato, che alla Ue (nella sacorsa legislatura a Bruxelles) ha fatto richiesta di un solo caricabatterie, venduto separatamente, compatibile con più marche.

Il caricabatterie unico permetterà di viaggiare senza più valigie piene di caricabatterie, uno per ogni familiare. In Europa l’Usb risolverà il dramma dei trenta caricabatteria diversi per 500 milioni di cellulari: nella Ue l’accordo è stato sottoscritto da: Nokia, Sony Ericsson,

Motorola, Apple, Lg, Nec, Qualcomm, Research in Motion, Samsung e Texas Instruments. L’intesa porterà a realizzare in Europa cellulari compatibili con un carica batterie standard. Dal 2010.

L’Europa, oltre all’euro, al roaming mobile Ue e al mercato comune, avrà (forse) anche un caricabatteria universale. Un’innovazione dalla parte dei consumatori europei.

Lrggi lo speciale: L’Euro-caricabatterie sarà Usb e unico

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore