iWatch è imminente: Apple assume un manager di orologi svizzeri

AziendeManagementMarketingNomine
I'm watch, lo smartwatch di Ennio Doris, chiude l'avventura
0 0 1 commento

Il passaggio di Patrick Pruniaux da Tag Heuer, marca di lusso di orologi svizzeri, a Apple dimostrerebbe che l’iWatch si avvicina. Tutte le indiscrezioni sullo smartwatch di Cupertino, in arrivo forse ad ottobre

Apple assume Patrick Pruniaux, il vice presidente delle vendite e del retail di Tag Heuer, celebre marca di orologi svizzeri. E pare imminente il debutto di Apple iWatch. Tag Heuer è un brand di orologi di lusso, il che dimostra la volontà del produttore di iPhone e iPad di accelerare sul lancio e di uscire con un prodotto originale di fascia luxury. iWatch è previsto fra settembre e ottobre: secondo indiscrezioni, lo smartwatch di Apple avrà uno schermo da 2.5 pollici di diagonale, dunque meno piccolo del previsto. Si vocifera di un display ricurvo OLED che gira con iOS 8, la nuova versione della piattaforma mobile di Apple, focalizzata sul fitness, e-health (salute) e Internet delle Cose. A inizio giugno si è parlato di sensori per collezionare dati relativi alla salute – dalla pressione sanguigna al calcolo delle calorie fino al glucosio. Secondo Reuters, iWatch potrebbe essere equipaggiato con ben dieci sensori incluso uno in grado di tracciare lo stato fisico di chi lo indossa. Dal Wall Street Journal emerge che “lo smartwatch avrà schermi di dimensioni diverse” e potrebbe essere disponibile in misure differenziate per uomini e donne.

Apple iWatch è imminente, dopo l'assunzione del capo vendite di Tag Hauer
Apple iWatch è imminente, dopo l’assunzione del capo vendite di Tag Hauer

La Wearable tech è in grande spolvero: solo al Computex di Taiwan 49 espositori hanno presentato prodotti di tecnologia da indossare.

Lo smartwatch di Apple si avvicina, mentre l’azienda di Cupertino deve affrontare la concorrenza cinese nel mercato smartphone. La cinese Xiaomi ha quadruplicato le vendite nella prima metà dell’anno: in sei mesi ha venduto 26 milioni di smartphone, contro i 18.7 milioni dell’intero 2013. Il vendor di smartphone nato quattro anni fa ha registrato 5.3 miliardi di dollari di fatturato e punta a vendere 100 milioni di pezzi nel 2015, espandendosi in dieci mercati fuori dalla Cina fra cui India, Brasile e Russia. La valutazione di Xiaomi è salita a 10 miliardi di dollari nell’ultimo giro di fundraising. Secondo Canalys, Xiaomi è il terzo vendor di smartphone in Cina (nel primo trimestre).

Patrick Pruniaux va ad affiancare Paul Deneve (ex Yves Saint Laurent) a capo dei progetti speciali di Apple e Angela Ahrendts, ex CEO dei retailer di lusso, Burberry.

Apple e i Macintosh delle origini: quanto conosciamo la storia del colosso di Cupertino? Mettetevi alla prova con il nostro quiz

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore