Jimmy Wales prevede la fine di Facebook

Marketing

Intanto si sta cimentando in Wikia, un luogo virtuale per le community e i gruppi su argomenti monotematici

JIMMY WALES, fondatore di Wikipedia, ha vaticinato la fine di Facebook e Myspace.

Etan Horowitz, dell’Orlando Sentinel, riferisce qui di avere assistito a un discorso tenuto in Germania da Jimmy Wales, nel quale il fondatore dell’enciclopedia più frequentata del web ha parlato a ruota libera del futuro di Internet.

Wales ha definito Facebook come un’altra Microsoft, che sta facendo cose buone e cattive allo stesso tempo. Non si capisce bene l’accostamento, visto che Microsoft non sembra affatto agonizzante.

Le critiche a Facebook riguardano il modo in cui il sito è costruito. A detta di Jimmy, chi ha fatto Facebook ha poca fiducia nelle persone perché considera a priori tutte le cose negative che potrebbero succedere nella gestione dei contenuti.

Intanto Wales si sta cimentando in una nuova impresa che si chiamerà Wikia, un luogo virtuale per le community e i gruppi su argomenti monotematici.

L’esempio sarebbe la Wookiepedia, una collezione di oltre 53.000 pagine su Star Wars, oppure la Psychology Wiki, sulla psicologia e la Muppet Wiki, sul Muppets Show.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore