Kasparov e Deep Junior pareggiano la quinta partita

LaptopMobility

Mercoledì scorso, in 19 mosse, si è conclusa con un pareggio la quinta partita del torneo Uomo vs. Macchina

I contendenti sono in parità, avendo vinto due punti e mezzo a testa. Lultima partita del torneo – che potrebbe risolversi in un pareggio – si disputerà oggi, venerdì 7 febbraio. Alla decima mossa della quinta partita, Deep Junior ha sacrificato, o esposto, il suo alfiere al re di Kasparov, per attrarre il pezzo in una posizione di vulnerabilità. Il re di Kasaprov infatti è stato attaccato ripetutamente da un cavallo di Deep Junior, pezzo leggermente più potente dellalfiere, che messo sotto scacco il re. La ripetizione delle mosse ha portato al pareggio nelle 9 mosse successive. Non mi sono per niente sentito a mio agio ha commentato Kasparov. Ma non cera via duscita. Gli esperti spettatori della partita hanno sostenuto che Kasparov è stato costretto in un cul-de-sac e che nessuno degli altri pezzi avrebbe potuto aiutarlo. A scopo difensivo, Kasparov avrebbe dovuto procedere per un numero minimo di scontri diretti secondo John Fernandez, consulente scacchistico di X3D Technologies, uno degli sponsor del torneo. Sarebbe molto difficile stabilire chi avrebbe potuto vincere. Ricordiamo che Kasparov, 39 anni, ha conquistato gli allori del mondo scacchistico come campione sovietico nel 1976, a soli 12 anni. Campione del mondo dal 1984, nonostante occasionali sconfitte, ha raggiunto lo status di mito nel mondo degli scacchi. Nel 1997 Kasparov ha perso lultima partita e il torneo contro il supercomputer IBM Deep Blue. Deep Junior, invece, è stato tre volte campione del mondo e ha vinto lultimo torneo mondiale ufficiale computer a luglio dello scorso anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore