Kerio MailServer 6.1

Management

Nella nuova versione il collaboration tool di Kerio punta tutto sulla sicurezza, la sincronizzazione e la semplicità nella gestione delle caselle di posta

Tra le novità più evidenti di Kerio Mail- Server 6.1, ultima release della soluzione groupware di Kerio Technologies destinata alle Pmi, spiccano molte funzioni efficaci per proteggere gli ambienti di posta elettronica da accessi indesiderati, infezioni di virus e sovraccarico causato da invio di spam. Particolare è il componente Spam Repellent che combatte lo spamming e gli attacchi di virus inserendo un intervallo di ritardo nella procedura di sincronizzazione con il protocollo Smtp, tecnica che spinge virus e messaggi spam a interrompere il tentativo di connessione. Ulteriore tutela degli utenti dall’invasione di messaggi non voluti è poi assicurata dall’aggiornamento automatico delle blacklist. MailServer peraltro incorpora ora il metodo per l’autenticazione dei domini di posta elettronica Sender Policy Framework (Spf), in grado di rafforzare le capacità della tecnologia Microsoft Caller Id. Oltre a ciò, MailServer 6.1 prevede un doppio controllo antivirus grazie alla presenza di due motori attivi contemporaneamente. È possibile scegliere tra la versione che incorpora l’antivirus McAfee, la versione base più uno dei plugin previsti per il supporto di antivirus sviluppati da terze parti (Avast, Avg, eTrust, Sophos, Symantec), che devono essere installati nel medesimo Pc che ospita Kerio MailServer, oppure una combinazione di entrambi. L’integrazione di McAfee permette numerosi vantaggi rispetto all’uso di MailServer base con il supporto di un antivirus standalone. Tra questi, la maggiore facilità di configurazione, che non prevede opzioni avanzate ed evita conflitti tra componenti, la possibilità di limitare a un’unica operazione l’update per software e definizioni virus, la facilitazione di poter disporre di una sola licenza e di un solo centro di supporto tecnico. La protezione dai virus è garantita dal controllo sia della posta in entrata sia di quella in uscita, il che riduce al minimo il rischio di infettare indirizzi esterni anche nel caso in cui il virus non venga introdotto in rete via email. Del resto lo scanning difensivo viene eseguito nel server a livello kernel: un accorgimento che impedisce ai messaggi di posta di eludere il controllo. Kerio MailServer 6.1 introduce molte semplificazioni riguardanti la gestione di posta elettronica, contatti e calendari di gruppo. Qualunque sia tipo di organizzazione, la collaborazione via email e la condivisione delle attività divengono più efficienti e personalizzabili. Il server di Kerio si avvale a tale scopo di varie opzioni, tra cui l’impostazione delle risposte automatiche, il backup dei messaggi in entrata e uscita, l’accesso multi-protocollo (fino a sei) alle caselle di posta. Tra questi, l’interfaccia grafica Webmail, comprendente cartelle Calendario, Agenda, Rubrica, Cartelle Pubbliche, che consente l’accesso ovunque ai prorpi messaggi, in modo molto funzionale e sicuro, grazie alla trasmissione con crittografia Ssl. Oltre che per Windows, Kerio MailServer 6.1 è previsto per la piattaforma Mac Os X e supporta l’ultima versione Tiger. Tra le altre, sono disponibili funzioni di sincronizzazione con l’Address book e con le applicazioni iCal Apple. È stata inoltre ottimizzata l’integrazione con il client groupware Entourage di Microsoft.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore