Kickstarter porta il suo crowdfunding in Italia

NetworkProvider e servizi Internet
Kickstarter porta il suo crowdfunding in Italia
2 3 Non ci sono commenti

Kickstarter sbarca in Italia con i suoi 8,8 milioni di finanziatori. La piattaforma di raccolta social di finanziamenti online per progetti condivisi, arriva nel nostro Paese dove il crowdfunding ha superato il giro di boa dei 30 milioni di euro

In Italia operano oltre cinquanta piattaforme di crowdfunding, ma sta per arrivare la più nota al mondo, Kickstarter. Kickstarter, la piattaforma di raccolta social di finanziamenti online per progetti condivisi, sbarca nel nostro Paese, dove il crowdfunding ha già superato il traguardo dei 30 milioni di euro, le piattaforme hanno ricevuto 50.000 idee di progetto e ne è stato pubblicato circa un terzo, dei quali il 35% è stato effettivamente finanziato.

Kickstarter porta il suo crowdfunding in Italia
Kickstarter porta il suo crowdfunding in Italia

Dopo Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Danimarca, Norvegia, Svezia e Irlanda, Kickstarter continua ad espandersi in Europa.

Per i creativi italiani è possibile raccogliere fondi in euro, in lingua italiana e il proprio conto corrente bancario in Italia, presentando i propri progetti, in una qualsiasi delle 15 categorie proposte dal sito, ad un ampio pubblico di backers formato da 8,8 milioni di finanziatori. Potranno decidere se illustrare in video i propri nuovi progetti in italiano, inglese o in entrambe le lingue, oltre a sottotitolare i contenuti in diverse lingue.

Yancey Strickler, co-fondatore e CEO di Kickstarter, è entusiasta di arrivare in Italia, in un contesto culturale che ha già dato un grande contribuito alla cultura mondiale dalla moda al cibo, dall’arte al cinema, dalla musica alla letteratura: “Kickstarter aiuterà tutti i creativi italiani a realizzare le proprie idee innovative attraverso il sistema della collaborazione, e con il supporto di una community mondiale davvero enorme.”

Dai dati di Borsa della Ricerca, emerge che in sette mesi i progetti hanno compiuto un balzo del 30%. Si attestano a 41 le piattaforme attive e 13 quelle in fase di lancio, contro le 27 piattaforme attive e le 14 (in procinto del debutto) di ottobre. Dei 5.300, 2.900 sono finanziati per lending (23,5 milioni di euro in tutto) e 2.400 per reward e donation (quasi 7 milioni di euro).

I progetti italiani di Kickstarter entreranno nella community mondiale della piattaforma, con i finanziatori che potranno cercare i progetti in base alla località ed individuare quelli dei creativi a Km0 o comunque più vicini.

Il crowdfunding è una tendenza in continua espansione e può rappresentare una risorsa anche per startup e aziende. Le 5 regole da seguire per una campagna di successo: impostare un tempo entro cui vi date come obiettivo la raccolta della cifra che vi serve; raccontate la storia del vostro progetto in modo coinvolgente; non limitatevi a testi e foto, un video, breve, può fare la differenza; prevedete sempre, dunque, varie forme di “ricompensa”; scegliete le piattaforme dedicate al finanziamento di obiettivi individuali.

Secondo Bankitalia, gli investimenti in capitale di rischio sono scese da 158 nel 2013 a 106 nel 2014, e l’investimento è diminuito da 81 milioni a 43 milioni nel 2014. In questo scenario di “credit crunch” interviene il Crowdfunding, il finanziamento collettivo per supportare progetti di organizzazioni o singoli individui.

La raccolta del 2014 ammonta a 16,2 miliardi di dollari, in crescita a tripla cifra (+167% sul 2013), secondo il Crowdfunding industry report. Nel 2015 la raccolta dovrebbe raddoppiare a 34,4 miliardi di dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore