Kindle Fire farà concorrenza al Playbook ed agli altri Android

Dispositivi mobiliMobile OsMobility

Jeff Bezos, Ceo di Amazon, è il “prossimo Steve Jobs” del mondo Android. Le società di analisi mettono Kindle Fire al microscopio. Il punto di forza? E’ il prezzo

Con Kindle Fire, il tablet cloud in vendita da metà novembre, Amazon ha lanciato la sfida all’iPad di Apple, ma allo stesso tempo ha rimesso anche in riga i rivali che si contendono lo scettro di “anti iPad“. Kindle Fire farà concorrenza al Playbook ed agli altri Android. Soprattutto perché Amazon ha dato il via alla vera “guerra dei prezzi”: 199 dollari rappresenta una svolta, quella che non ebbero il coraggio di fare Motorola Xoom e gli altri tablet Android.

Ashok Kumar, analista di Rodman & Renshaw, ritiene che il prezzo è il vero punto di forza di Kindle Fire, un “price point” che costringerà Apple a rivedere il suo listino e a rispondere. Secondo UMB TechInsights Amazon farà profitti sulle vendite hardware del suo tablet Kindle Fire “ma  probabilmente solo un terzo o un quarto di Apple iPad e BlackBerry Playbook“, visto che solo di materiali Kindle Fire costa 150 dollari. Il marine dei profitti relega tutti gli altri tablet Android sotto la categoria di “bolla”, in quanto non sono in grado di competere con Amazon, che può permettersi prezzi ridotti all’osso sul versante hardware, per poi guadagnare sul versante servizi (vendita e noleggio e-book, streaming video e musica, Amazon Prime eccetera)

Secondo Forrester Research il mercato tablet crescerà il 51% all’anno fino al 2015. Secondo Gizmodo Jeff Bezos, Ceo di Amazon, è il “prossimo Steve Jobs“.

Jeff Bezos, Ceo di Amazon, svela Kindle Fire
Jeff Bezos, Ceo di Amazon, svela Kindle Fire
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore