L82% dei responsabili IT vuole cablaggi LAN ad alte prestazioni per le future esigenze di rete

NetworkReti e infrastrutture

Lo rivela un recente studio di Avaya

Avaya, leader globale nei servizi e nelle soluzioni di comunicazione, ha reso noto che un recente studio condotto a livello mondiale ha rivelato come l82% dei responsabili di rete intervistati sia intenzionato a richiedere cablaggi ad alte prestazioni in Categoria 6 per le future installazioni. Ratificati rispettivamente a giugno e settembre del 2002, gli standard per cablaggi TIA (Telecommunications Industry Association) e ISO/IEC Categoria 6/Classe E hanno stabilito un nuovo riferimento prestazionale per le reti LAN (Local Area Network). Lo studio condotto da Systimax SCS (Structured Connectivity Solutions) dal titolo Infrastruttura di cablaggio. Siete pronti per affrontare il traffico del futuro oppure rischiate la congestione della vostra rete?, per il quale sono stati intervistati rappresentanti di oltre 2.000 aziende in 38 Paesi, ha rivelato anche che il 28% del campione ha gi installato cablaggi in Categoria 6 ad alte prestazioni. La soluzione Systimax GigaSPEED XL di Avaya, disponibile da aprile 2002, garantisce performance superiori del 400% rispetto a quanto previsto dagli standard Categoria 6. Un tale incremento di prestazioni risulta particolarmente utile nel caso di applicazioni video od ancora il traffico VoIP (Voice over IP), che richiedono il supporto delle trasmissioni a 1 Gb/s per rispettare I parametri di larghezza di banda e QoS (Quality of Service) previsti. La ricerca condotta da Avaya mostra come il 19% degli intervistati utilizzi gi soluzioni di videoconferenza, mentre il 27% prevede di ampliare luso di applicazioni video multimediali di questo genere. Nel caso dei sistemi VoIP, il 17% degli intervistati ha affermato di impiegare gi questo tipo di tecnologia, mentre il 14% si detto interessato a introdurla nelle proprie reti. Lo studio evidenzia come il downtime delle reti, unitamente a modifiche, aggiunte e spostamenti, costi alle aziende svariati milioni di dollari di perdite dovute alle interruzioni della produttivit. Dai dati raccolti stato calcolato, ad esempio, che per le aziende con reti di oltre 7.500 utenti il downtime provoca complessivamente 5,5 milioni di dollari allanno di danni per ci che riguarda la sola perdita di produttivit del personale. Lincidenza di queste perdite stata ampiamente riconosciuta dagli intervistati, che infatti hanno citato il downtime delle reti come la principale fonte di preoccupazione. Il 26% ha dichiarato spontaneamente che il downtime delle reti rappresenta la principale causa potenziale di apprensione, mentre un ulteriore 15% ha citato come timore maggiore il degrado delle performance. Il downtime delle reti registrato dagli utenti di cablaggi in Categoria 6 risultato sensibilmente inferiore a quello degli utenti di soluzioni in Categoria 5 e 5e. Ad esempio, soltanto l8% degli utenti che utilizzano la Categoria 6 ha registrato oltre cinque ore di fermo mensili contro l11% degli utenti delle Categorie 5 e 5e.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore