La banda larga italiana è troppo salata

NetworkProvider e servizi Internet

Una ricerca di Altroconsumo accusa la broad band italiana di essere tra le più costose a livello europeo. La meno cara è la Francia

La banda larga in Francia, Inghilterra, Portogallo, Germania e Belgio costa meno rispetto all’Italia. L’associazione indipendente di consumatori, Altroconsumo, striglia i provider italiani, responsabili di spese alte per l’accesso a banda larga. In Italia esistono 90 provider e 170 diversi tipologie di contratto Adsl, ma la concorrenza non ha abbassato i prezzi a Internet veloce. Tra gli ex monopolisti Telecom Italia propone un’offerta broad band fino al 20% più costosa. Gli operatori, presenti su più piazze europee, in Italia raddoppiano i prezzi al confronto della Francia. L’operatore più economico si trova d’Oltralpe.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore