La Biblioteca Ambrosiana è online

Marketing

Lo storico Istituto milanese, grazie alla collaborazione di Microsoft Italia,
mette a disposizione sul Web il suo patrimonio librario

Grazie alla collaborazione di Microsoft Italia, il Catalogo della Biblioteca Ambrosiana di Milano è disponibile gratuitamente online, assieme alle copie digitalizzate dei suoi volumi più preziosi, sfogliabili sullo schermo del computer così come si farebbe con un libro reale. Il Catalogo, elaborato con il software Manus dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico, contiene la descrizione di circa 5.000 manoscritti ed è il più grande e ambizioso mai realizzato in Italia per una singola biblioteca. Un patrimonio immenso, la cui gestione potrà ora essere ottimizzata e, nel prossimo futuro, migliorata, grazie alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie informatiche. La facilità d’uso e l’accessibilità offerte dal web, in particolare, daranno sempre più alla comunità di visitatori e di ricercatori la possibilità anche di i nteragire e di contribuire al continuo approfondimento e arricchimento del database di informazioni. Grazie al web e ad un’interfaccia specifica a disposizione degli utenti, infatti, il Catalogo si aprirà alle correzioni e ai suggerimenti che il pubblico e gli studiosi vorranno proporre. Lo scopo è quello di far sì che, nel suo formato elettronico, il Catalogo diventi quello che nella sua edizione tradizionale è sempre stato: terreno di dialogo e testimone della libera elaborazione e divulgazione del pensiero umano. Senza contare che il nuovo formato elettronico, renderà velocemente e facilmente accessibili i contenuti e la storia dei manoscritti, e permetterà di eseguire sul Catalogo stesso ricerche rapide e precise, nonché nuove forme di indicizzazione. Nella sezione ?Biblioteca digitale? del portale www.ambrosiana.it saranno disponibili e sfogliabili, attraverso copie fedelmente riprodotte fin nei minimi particolari e nelle più ricche miniature, volumi come Il Codice Atlantico, la più ampia e stupefacente collezione di scritti e disegni di Leonardo da Vinci, o il Somnium Delphili, un poemetto scritto nei primi decenni del Cinquecento conservato in un’unica copia proprio all’interno della Biblioteca Ambrosiana. Il progetto di digitalizzazione, ad ogni modo, prevede a lungo termine la progressiva ?virtualizzazione? di tutti i volumi più preziosi del patrimonio librario della Biblioteca. Fondamentale per la realizzazione dell’intera iniziativa, oltre al sostegno di Microsoft, è stata la collaborazione della Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali, nonché quella dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico e per le Informazioni Bibliografiche del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. ?Il catalogo informatico in linea ? ha spiegato in occasione della presentazione del progetto Mons. Cesare Pasini, Vice Prefetto della Biblioteca Ambrosiana ? è uno strumento graditissimo agli studiosi e a tutti i ?curiosi di sapere? che vogliono approfondire un argomento di ricerca e intendono agilmente accertarsi se la Biblioteca con i suoi manoscritti li può servire in questa loro impresa. Anzi, le ricchissime liste di nomi e titoli (più di 50.000 voci indicizzate) diventano, per chi le voglia scorrere, una provocazione e un invito a ulteriori conoscenze e ricerche?. ?Le tecnologie informatiche stanno provando come sia possibile fornire ulteriore valore al patrimonio artistico e culturale italiano attraverso l’accelerazione e l’allargamento dell’accesso alla conoscenza?, ha aggiunto Umberto Paolucci, Vice President Microsoft Corporation e Senior Chairman Microsoft Emea.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore