La biometrica fa il suo ingresso nella Ue

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Il passaporto elettronico europeo conterrà impronte digitali e immagine del volto. Entrerà in vigore entro tre anni

I ministri degli Interni dell’Unione Europea hanno deciso di stare al passo con gli Stati Uniti. Due dati biometrici verranno inclusi nei futuri passaporti elettronici dei cittadini europei dell’area Ue: impronte digitali e immagine del volto. La presenza delle impronte digitali, in un primo tempo non ritenuta necessaria, è invece tornata alla ribalta. E con la decisione del 26 ottobre è ormai tassativa. L’e-passport avrà due tempi di attuazione: entro 18 mesi per l’introduzione dell’indicatore biometrico del volto, entro 3 anni per l’introduzione delle impronte digitali. La biometrica farà dunque il suo ingresso ufficiale prima sui Passaporti europei che sulle carte d’identità nazionali? È difficile rispondere visto che la decisione dei ministri non riguarda le carte d’identità. Nel frattempo l’ingresso negli Stati Uniti non è disposto a attendere i tempi lunghi della Ue, e prevede il programma Us Visit già dallo scorso 30 settembre. L’ingresso digitale per gli stranieri in America anticipa quindi l’arrivo dell’e-passport europeo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore