La bufala online fa arrossire l’informazione

Marketing

Un blog pubblica un post con una falsa trascrizione di una telefonata fasulla fra Confalonieri e Berlusconi. E l’informazione scambia uno scherzo per uno scoop: ma chi controlla le fonti? Un semplice link avrebbe evitato la catena di errori

Tutti contro un blog, La privata repubblica , “colpevole” di aver fatto satira, ma scambiata per informazione. La falsa intercettazione di una chiamata, (forse) mai avvenuta, fra Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri pubblicata dal sito, sull’ormai chiacchierato “caso Carfagna” (dal nome del ministro delle Pari Opportunità: caso inesistente, ma montato dalla stampa scandalistica), sta mettendo in croce un blogger. Ma perché è stato scambiato per informazione un blog che pubblica un post di satira? Insomma: chi controlla le fonti? L’eterna domanda ritorna attuale nel giornalismo online.

Dagospia, senza citare le fonti o mettere il link alla fonte, avrebbe parlato di nuove intercettazioni (un caso, appunto, inesistente, al momento), ed è stato ripreso dalle agenzie di stampa. E tutti ci sono cascati, finché si è scoperto che lo scoop non era altro che una parodia da ragazzi.

Da Bonsai Kitten in poi, sappiamo che la bufala corre sul Web. Ma la “colpa” non è certo di un ragazzo padovano, che se mai ha scritto solo un pezzo di satira, se mai dal gusto discutibile. La responsabilità è dei giornalisti che non hanno verificato le fonti: sarebbe bastato mettere il link originale al presunto scoop, da parte di Dagospia, per evitare una catena di errori, che ha arrecato tanto danno.

Mettere i link agli articoli originali dovrebbe essere buona norma sul Web: una prassi di correttezza, ma anche un’auto-difesa in caso di pubblicazioni dalla fonte incerta. Ci auguriamo che da questa spiacevole storia, si tragga una piccola lezione: è meglio mettere i link alle news o ai Post originali, invece di sbandierare scoop, magari scopiazzati da altri blog. Il testo ipertestuale, alla base delle pagine Web, nasce con la pratica dei link: esterni, oltreché interni. Un link a volte, può salvare la reputazione (e la paternità delle fonti) oltre a rendere il Web più ricco, dinamico e interattivo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore