La California contro Google Street View

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza
Google Street View multata da FTC

Non solo l’Europa, ma anche la California fa sul serio contro la violazione privacy di Google Street View

Dopo la multa in Francia per lo “spionaggio WiFi”, compiuto inavvertitamente dalle auto di Google, anche la California porta Google Street View alla sbarra, per la violazione dei dati WiFi: il caso del giundice James Ware contro Google verrà discusso prossimamente. Anche se la Federal Trade Commission (Ftc) aveva graziato Google, la California contesta a Google la violazione del Wiretap Act: un WiFi anche aperto non significa che sia un hotspot pubblico.

Ricordiamo che cosa avvenne un anno fa: le Google cars, sormontate da fotocamere per riprendere, fotografano a 360 gradi le nostre città per arricchire le Google Maps con la visione a livello della strada: Google Street View. Ma Google si accorse non solo di aver fotografato vie, piazze, palazzi ed incroci, ma per errore di aver catturato “a strascico” dati sensibili dal WiFi aperto degli utenti, a loro completa insaputa. Una falla per la privacy a livello mondiale. Google aveva infatti registrato dati tecnici sensibili come password, e-mail, transazioni bancarie e dati di connessione ad alcuni siti Web.

In Italia la procura di Roma ha aperto un fascicolo sula violazione privacy di Google Street View. Google ha chiesto scusa per l’errore relativo allo “spionaggio delle reti WiFi” e ha promesso collaborazione con la Giustizia. Tuttavia ora si fa sul serio non solo in Europa, ma anche in California. Secondo il Center for Democracy & Technology, nessuno dibuta che intercettare le altrui comunicazioni sia illegali, ma la legislazione, ferma agli anni ’80, va rivista nell’era di Google, Facebook e smartphone.

Google Street View in tribunale in California
Google Street View in tribunale in California
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore