La censura online mette la sordina agli Emirati Arabi

NetworkProvider e servizi Internet

Il secondo operatore di telecomunicazioni degli Emirati Arabi Uniti ha avviato il blocco dei siti Internet con “contenuti immorali”

La libertà di espressione nel mondo diggitale si restringe sempre di più. La censura online invece dilaga a macchia d’olio. Ora tocca agli Emirati Arabi,

dove un Sms ha avvisato gli internauti che dal 14 aprile 2008 saranno bloccati i siti il cui contenuto non è conforme ai valori morali, sociali e culturali degli Emirati Arabi Uniti.

L’operazione di censura di massa è avviata anche dal secondo operatore di telecomunicazioni degli Emirati Arabi Uniti, Du: ma vengono bloccati anche VoIp e Twitter. Il primo operatore Emirates Telecommunications (Etisalat) già da tempo praticava il filtro. Anche uno dei paesi più liberali della regione ultra conservatrice del Golfo Arabo si adegua alle restrizioni online.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore