La chiave per installare Windows Server 2003 si trova su internet, grave la minaccia di pirateria per il software di Microsoft

NetworkProvider e servizi Internet

Limpegno di Microsft nella individuazione delle cause.

Il codice è stato «perduto» più di due settimane prima del lancio ufficiale del software, previsto per il 24 aprile. La notizia si è sparsa velocemente e su siti web come Neowin e Winbeta il codice è stato identificato come un 3-in-1, ovvero un codice che può funzionare con tre diverse versioni del Windows Server 2003. Il portavoce di Microsoft ha dichiarato che la compagnia intende battere internet a tappeto per ritrovare il codice perduto. In genere i codici rubati vengono scambiati insieme al software, tipicamente su siti web, newsgroup o Internet Relay Chat (IRC). Secondo gli esperti, lutilizzo del codice prevede un processo a due fasi, e sarebbe la seconda a creare il problema maggiore a Microsoft. Il codice è usato inizialmente per installare il software, poi per attivare il software con Microsoft via internet. Con il rilascio di Office XP a maggio 2001 e Windows XP circa sei mesi più tardi, Microsoft ha implementato uno strumento anti-pirateria conosciuto come «attivazione del prodotto». Prima, le imprese o i singoli consumatori avevano bisogno di un codice-chiave per installare il software di Microsoft e la cosa finiva lì. Con l«attivazione del prodotto», il computer deve contattare Microsot via Internet. La configurazione dellhardware e le informazioni relative alla licenza vengono raccolte e salvate in un database anonimo. Il processo in definitiva associa il codice di attivazione allhardware specifico, impedendo così, almeno in teoria, che il codice venga utilizzato per installare il software su unaltra macchina. Il tutto per cercare di ridurre il fenomeno della pirateria secondo la compagnia circa la metà delle copie di Office utilizzate nel mondo sono copie piratate. Ma il sistema di Microsoft ha una vulnerabilità. Per chi sottoscrive un programma di multilicenze Microsoft rilascia chiavi che non necessitano di attivazione. Ciò rende più semplice alle aziende installare velocemente lo stesso software su diverse macchine. Così il codice perso in rete può ora essere utilizzato per installare un numero illimitato di copie del software. Microsoft non è stata in grado di confermare per quali versioni del Windows Server 2003 funziona il codice.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore