La Cina apre spiragli a Facebook e Twitter

MarketingNetworkSocial media
La Cina è accusata del cyber attacco a Apple iCloud
0 0 Non ci sono commenti

Le Free trade zone (Ftz) cinesi permetteranno l’accesso ai siti bannati e censurati, come Facebook e Twitter

Si allargano le maglie della cyber censura in Cina. Le Free trade zone (Ftz) cinesi, le zone speciali dedicate alla globalizzazione, permetteranno l’accesso ai siti bannati e censurati, come Facebook e Twitter. Finora vigevano ovunque la censura e i giri di vite del Pratito comunista contro ogni post dal “sapore dissidente”.

Ma secondo il South China Morning, qualcosa sta per cambiare nelle FTZ di  Shanghai. Facebook e Twitter sono bloccati a Pechino da metà 2009, in seguito a rivolte nella provincia dello Xinjiang. Il New York Times è anch’esso inaccessibile da quando riportò delle immense fortune accumulate dall’ex Premier Wen Jiabao. La macchina della censura, per offuscare post della blogosfera, messaggi su micro-blogging e sui Social media, è infernale: vi lavorano a tempo pieno migliaia di militanti e volontari, pronti a segnalare alle autorità chi sgarra.

L’idea di rendere Internet libero da censure nella Shanghai FTZ servirà a permettere agli stranieri di sentirsi come a casa loro: aggiornare lo status su Facebook or leggere il New York Times aiuterà a remndere la FTZ una “zona speciale”.

Con 1.15 miliardi di utenti, Facebook guarda alla Cina per future espansioni. CEO Mark Zuckerberg, che ha sposato un medico cinese, ha studiato il mandarino e ha visitato il Paese con altri imprenditori del Web, considera la Cina l’anello mancante per connettere il mondo. Anche la Coo Sheryl Sandberg ha già incontrato le autorità cinesi.

Il titolo di Facebook ha guadagnato il 4% a 49.19 dollari, merito dell’upgrade di Citigroup da neutral s buy.

Infine, la Cina è il più grande mercato smartphone al mondo con 450 milioni dispositivi previsti nel 2014, in crescita rispetto ai 360 milioni del 2013 (secondo IDC).

La Cina apre uno spiraglio a Facebook e Twitter
La Cina apre uno spiraglio a Facebook e Twitter
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore