La Cina sta rivedendo la licenza di Google

Autorità e normativeAziendeCensuraMarketingMobility

Google non ha rinunciato alla sua lotta per l’etica e contro la censura online. Ma ha fatto un passo indietro rispetto ai mesi scorsi. Ora la palla passa alla Cina

La licenza di Google.cn è scaduta da alcuni giorni, ma Pechino ha messo in fase di revisione la domanda per il rinnovo della licenza operativa in Cina, presentata da Google. Non è prevedibile la data di conclusione del processo. Nei giorni scorsi Google risultava semi-bloccato.

Se Google.cn ha fretta di sapere se la Cina avesse accolto con favore la fine del reindirizzamento automatico, Pechino nicchia.

Google non ha rinunciato alla sua lotta per l’etica e contro la censura online. Ma ha fatto un passo indietro rispetto ai mesi scorsi, quando Google.cn reindirizzava su Hong Kond, di fatto eliminando i filtri alla censura di Pechino.

Il Ministero dell’Industria e dell’Information Technology, che si occupa di rinnovare e rivedere le licenze per gli Internet Content Provider, si è limitato a dire a Reuters che la domanda di Google è arrivata “relativamente tardi” e che non ci sono date per rendere noto l’esito.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore