La Cina va pazza per il Web 2.0

Aziende

Nell’ex Celeste Impero nascono come funghi i siti di video sharing e gaming
online

Altro che Silicon Valley, è la Cina la capitale del Web 2.0. Il sito di video sharing

KU6.com ha già 2 milioni di utenti unici e attrae 200mila nuovi visitatori al giorno. Baidu, l’anti Google cinese con il 70% di ricerche online, ha già strappato al sito una partnership. Anche il gaming online ha un gran successo, come la vendita delle suonerie sul Web: se un gioco per console o un Cd può essere copiato dalla pirateria, cviò non accadrà alle suonerie o al gaming online. Il consumer in stile Web 2.0 in Cinadunque rende. Lo sanno Yahoo che si è legata da anni a Alibaba, Amazon che ha comprato Joyo, Google che ha deciso di investire nel browser Maxthon (che fa soldi con il revenue sharing).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore