Commissione europea: è l’ora di E-skills for jobs 2014

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
E-skills For Job: i nuovi progetti per i giovani della Commissione europea
0 1 1 commento

E-skills for jobs 2014 e Fostering Digital Enterpreneurship sono due progetti della Commissione Europea nell’ambito della Grand Coalition for Digital Jobs

La Commissione europea lancia E-skills for jobs 2014, per diffondere le competenze digitali e dell’imprenditorialità digitale nelle scuole e nelle università. E-skills for jobs 2014 e Fostering Digital Enterpreneurship sono due progetti della Commissione Europea nell’ambito della Grand Coalition for Digital Jobs. In Italia se ne fa garante l’Anitec (Associazione nazionale Industrie Informatica, Telecomunicazioni ed Elettronica di consumo): “Oggi partono due progetti fortemente voluti dalla Comunità Europea – ha dichiarato Cristiano Radaelli, presidente Anitec e membro dell’Executive Board di DigitalEurope – L’obiettivo è da un lato ridurre il forte gap che c’è in Italia per quanto riguarda le competenze digitali, dall’altro promuovere l’imprenditorialità, un altro ambito in cui l’Italia, ma anche l’Europa tutta, è in ritardo”.

Poiché scarseggia in Europa la professionalità digitale, attualmente risultano disponibili 449 mila posizioni nel 2014 e si prevede che nel 2020 saranno tra 730 mila e 1,35 milioni (fonte: Empirica 2013). E-skills for Jobs 2014 lancia una campagna di comunicazione destinata ai giovani, in particolare a quelli delle scuole superiori, per sensibilizzarli sulla possibilità di trovare lavoro, un domani, in ambito IT.

Invece Fostering Digital Enterpreneurship ha lo scopo di favorire la nuova imprenditoria digitale, mettendo al centro gli opinion leader del mercato che rivestiranno il ruolo di testimonial del digitale. In Europa appena l’1,7% delle aziende con meno di dieci dipendenti sfrutta big data, cloud, mobile e soluzioni social. Le imprese “analogiche” sono ancora 4 su dieci.

Come si pone l’Italia? Ryan Heath, portavoce del commissario all’Agenda Digitale europea Neelie Kroes, scommette su Matteo Renzi, il Premier più giovane d’Europa: “L’Italia è al primo posto per utilizzo di smartphone, anche se non vengono usati per l’internet mobile, e c’è il maggior tasso di utilizzo di Facebook a livello europeo. Bisogna diffondere servizi come l’internet banking, e puntare sugli e-skills. Bisogna invertire il trend dell’occupazione femminile, ad esempio il mercato delle Apps sta esplodendo in Europa, ma soltanto uno sviluppatore su dieci è donna. L’Italia ha tutte le carte in regola per raggiungere la media digitale degli altri grandi paesi dell’Ue, ma deve impegnarsi per azzerare il gap fra quello che gli italiani vogliono e la realtà di un paese che nel digitale è agli ultimi posti”. 

E-skills For Job: i nuovi progetti per i giovani della Commissione europea
E-skills For Job: i nuovi progetti per i giovani della Commissione europea
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore