La Comunità Europea non vuole nuovi Napster

Network

La Commissione della Comunità si appresta a vietare espressamente lutilizzo di software sul modello di Napster

I membri del Parlamento Europeo hanno accettato di vietare le forme di copia dei dati sul modello di Napster. La nuove direttive in tema di copyright dellUnione Europea, saranno scritte per garantire la protezione dei diritti dautore anche su Internet, sulla prossima generazione di telefoni mobili e sulla televisione digitale. Secondo una stima del 1998 di Forrester Research, su Internet ogni anno si copiava materiale per 20 miliardi di Euro, ora con il fenomeno del music-sharing le cifre dovrebbero essere salite di molto. Secondo le nuove direttive, artisti e produttori saranno gli unici titolari nellutilizzo dei beni coperti da diritti, eccezion fatta per alcuni fini che non siano direttamente o indirettamente commerciali. Le associazioni dei consumatori e i principali attori dellindustria tecnologica, stanno però cercando di limitare le restrizioni sullutilizzo dei contenuti per non bloccare lo sviluppo del mercato hi-tech. Le direttive passeranno ora il vaglio del Parlamento Europeo e del Consiglio dei Ministri, che potranno presentare degli emendamenti da discutere prima dellapprovazione del testo finale prevista per lestate. A quel punto, ogni Paese facente parte della Comunità, dovrà adeguarsi alle nuove normative nel giro di 18 mesi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore