La connettività e il networking di Hamlet e Careca

Management

Versatilità e facilità di utilizzo sono secondo Antonio Campagnoli, sales & marketing manager di Careca Italia, le principali caratteristiche che deve avere una soluzione adatta alle Pmi

Hamlet, azienda attiva nel settore delle soluzioni per la connettività e il networking (www.hamletcom.com), i cui prodotti sono distribuiti da Careca, ha presentato la nuova scheda CompactFlash Gprs/Gsm, soluzione in grado di trasformare il proprio palmare o il proprio computer portatile in un telefono Gsm con cui è anche possibile navigare in Internet utilizzando la Sim card del proprio cellulare. Inserendo la scheda in un palmare dotato di slot CompactFlash è possibile ricevere e inviare dati attraverso Internet immediatamente a una velocità fino a 85,6 K. Sfruttando la tecnologia Gprs, inoltre, è possibile inviare e ricevere fax alla velocità di 14,4 K. Grazie all’adattatore Pcmcia incluso nella dotazione, la nuova scheda Hamlet può essere utilizzata anche con un computer portatile dotato di sistema operativo Windows 98/Me/2000/Xp trasformando il notebook in un vero e proprio ufficio mobile connesso a Internet. Dispone di auricolari offerti in bundle e di software fornito in italiano, per consentire l’utilizzo immediato delle funzioni disponibili. La nuova scheda CompactFlash Gprs/Gsm si affianca, all’interno dell’offerta dei prodotti mobile dell’azienda, al modem/telefono Gprs Usb. Ideato per computer privi di slot Cf e Pcmcia, questo prodotto permette il collegamento su rete Gsm/Gprs alla velocità di 56 K. Attraverso gli auricolari in dotazione è in grado di trasformare il Pc a cui è collegato in un telefono Gsm, consentendo anche di navigare in Internet e ricevere telefonate contemporaneamente. “La gamma di prodotti Hamlet proposta da Careca ha come denominatore comune l’estrema versatilità e la facilità di utilizzo”, spiega Antonio Campagnoli, sales & marketing manager di Careca Italia. “Queste caratteristiche sono molto importanti, soprattutto se si pensa all’elevato numero di piccole e medie imprese non dotate ancora di un system administrator interno sul quale poter contare per la gestione dei sistemi informatici, che spesso è demandata, quindi, a personale dell’azienda non specializzato in quest’ambito. Da non sottovalutare, infine, l’estrema integrazione di tutti i prodotti da noi trattati. Risulta estremamente significativo, infatti, poter disporre per esempio di modem Adsl, Switch e Access Point Wireless in un unico dispositivo, piuttosto che chiedere al cliente di gestire e soprattutto interfacciare differenti prodotti specifici”. Tra le soluzioni proposte da Careca, particolarmente adatte alle Pmi, Campagnoli indica la gamma di prodotti Gigabit, per velocizzare le reti aziendali, e le soluzioni dotate di firewall, per la sicurezza dei dati. “Sono due punti molto importanti ai quali dedicheremo maggiore attenzione e risorse nel corso di quest’anno”, dichiara. “Purtroppo la maggior parte delle Pmi si trova spesso a fare i conti con software gestionali apparentemente troppo lenti nell’espletamento delle funzioni amministrative e di gestione dell’azienda. L’adozione di prodotti più performanti nell’architettura della rete permette alla clientela di risparmiare molto tempo a favore della produttività. Rimanendo in ambito networking, poter proteggere i dati da eventuali accessi esterni non autorizzati, secondo noi, è il primo intervento che tutte le aziende dovranno affrontare con urgenza, anche per motivi legislativi in materia di legge sulla privacy”. “Il mercato italiano del networking & wireless è molto complesso ed articolato; elevata specializzazione e competenza hanno un’importanza primaria”, afferma Campagnoli. “La nostra azienda è verticalmente specializzata da anni in questo settore e questo ci permette da un lato di essere tempestivi nel proporre le soluzioni più avanzate e dall’altro di poter supportare al meglio i nostri rivenditori. Soprattutto nei confronti della Pmi, infatti, i dealer spesso giocano anche un importante ruolo di consulenza fino ad arrivare in alcuni casi a proporre soluzioni ‘chiavi in mano’ al cliente ed è proprio in questi casi che uno stretto rapporto di collaborazione tra vendor e rivenditore è fondamentale”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore