La detrazione fiscale per chi compra libri anche scolastici

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Arriva la detrazione fiscale del 19% per chi compra libri
2 3 1 commento

L’ultimo consiglio dei ministri ha varato sgravi fiscali, per il prossimo triennio, per chi acquista libri anche scolastici, ma sembrano esclusi dal provvedimento i libri elettronici

L’Italia concede gli sgravi a chi investe in cultura. La detrazione fiscale è del 19% per chi compra libri, ma sembrano esclusi dalle detrazioni gli ebook. Lo ha annunciato il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Massimo Bray, per promuovere la lettura in un’Italia dove un cittadino su due non legge nemmeno un libro all’anno. Il Consiglio dei ministri ha varato la detrazione fiscale del 19% da applicare alle spese sostenute nel corso dell’anno solare per l’acquisto di libri muniti di codice ISBN, per un importo massimo di 2000 euro, di cui 1000 euro per i libri scolastici ed universitari ed altri 1000 euro per tutte le altre pubblicazioni.

La norma è un’iniziativa congiunta del Mibact, insieme al Ministero dello Sviluppo Economico: varrà per il prossimo triennio e prevede una detrazione per i consumatori muniti di idonea documentazione fiscale. “Questa iniziativa ha un importante valore storico e simbolico che insieme al Piano della lettura si inserisce in un progetto strategico di diffusione dei libri, fondamentale per la formazione dei cittadini e per il rilancio della cultura” ha affermato il Ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del turismo, Massimo Bray.

Mentre l’e-commerce è passato dal 3% ad oltre il 12% in meno di un quinquennio, ma le vendite in libreria sono crollate dal 79% al 72% (dati AIE). Gli e-book raggiungono il 5,2% (+2,5%), secondo il 47esimo Rapporto Censis.

L’Associazione Italiana Editori (Aie) ha dichiarato il prezzo degli e-book è calato di più del prezzo dei libri cartacei, anche se l’Iva sugli e-book è più alta. C’è la necessità di armonizzare i regimi Iva tra i libri letti sulla carta e su device digitale (e-book reader o tablet che siano). Secondo quanto riportato sul sito del Governo la misura è volta proprio a favorire la diffusione della lettura dei libri cartacei. In pratica si può anche leggere come un provvedimento ad hoc per aiutare le librerie tradizionali, messe in crisi anche dall’arrivo dei libri elettronici. Per i libri, come per i giornali, sembra ancora impossibile in Italia varare provvedimenti in grado di agevolare lo sviluppo tecnologico con il business tradizionale.

Arriva la detrazione fiscale del 19% per chi compra libri
Arriva la detrazione fiscale del 19% per chi compra libri
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore