La filosofia di Jeff Bezos (Amazon) ruota intorno al Kindle Fire

AziendeDispositivi mobiliMarketingMobility

Il Kindle Fire non è un gadget, ma un negozio virtuale. La fortuna del Ceo Jeff Bezos consiste nell’aver capito che bisogna far soldi quando gli utenti comprano media e servizi, e non quando acquistano l’hardware

Dopo aver presentato i nuovi Kindle Fire HD da 7 e 8.9 pollici, esaminiamo il keynote del Ceo di Amazon Jeff Bezos. Bezos parla del tablet Kindle Fire come se fosse un sinonimo della stessa Amazon. Nella presentazione Bezos ha affermato che “Kindle Fire è un servizio. Che offre 22 milioni di prodotti. Che ti chiama per nome. Che ti fa suggerimenti“. L‘intera esperienza retail e tecnologica di Amazon è stata sintetizzata in un unico dispositivo, capace di conquistare il 22% del mercato tablet USA, diventando il secondo tablet alle spalle di iPad (mentre a livello mondiale il Samsung Galaxy Tab svetta al secondo posto). Il futuro di Amazon non è più solo il sito Web, ma il Kindle Fire, la porta materiale per accedere all’ecosistema di Amazon. Il computing oggi è trainato da harwdare portatile supportato da servizi cloud e abbonamenti come Amazon Prime. Mentre Apple, Microsoft, Google, e Facebook si affanno nella ricerca di traghettarsi dal desktop al Mobile, Amazon ha bypassato la questione con un certo fatalismo, senza porsi problemi. Se oggi iPad è criticato perché è soprattutto un dispositivo orientato al consumo dei media (via iTunes), “uno store portatile in un design seducente”, Amazon non ha cercato di vendere il Kindle Fire come un dispositivo post-Pc, ma ha semplicemente abbracciato il suo destino multimediale consumer. Senza pretese.Anche perché in ambito produttività sono in arrivo i tablet e ibridi Windows 8 e il Microsoft Surface.

La fortuna di Bezos consiste poi nel prezzo low-cost, nel voler far soldi quando gli utenti comprano media e servizi, e non quando acquistano l’hardware: il Kindle Fire non è un gadget, ma un negozio virtuale. Ed è uno dei più grandi store nella storia, dagli e-book agli mp3, dai film alle apps di giochi. Jeff Bezos ha spiegato perché Kindle Fire è emerso, mentre sono falliti tanti tablet Android: gli utenti cercano servizi che migliorano nel tempo, di giorno in giorno, di settimana in settimana e di mese in mese. A sfidare Amazon sono arrivati Nexus 7 (di Google), mentre nel mercato e-reader il Kindle affronta la competizione dei Nook e Kobo. Ma Amazon non si considera un Android OEM, ma gioca a una partita differente. Amazon non sfida i vendor Android bensì Apple. Il colosso di Jeff Bezos vuole essere considerato un’azienda hi-tech innovativa e seria come Apple. Per questo Kindle Fire HD ha adottato la tecnologia MIMO WiFi. Una minuzia per gli osservatori distratti, ma in realtà un dettaglio sofisticato, che mostra la differenza fra un gadget e un prodotto IT. Bezos non vuole passare alla storia come un libraio che si tuffa nel mercato IT ma come “un inventore, un pioniere“, che ha specifiche che rivali come iPad e Nexus 7 non hanno. Ottimizzare il WiFi è dunque critico ed essenziale per Kindle Fire HD per dimostrare che Amazon gioca seriamente alla partita dei tablet. Lo stream in alta definizione senza buffering o ritardi, abbinato allo stero Dolby, è una caratteristica di prim’ordine. Kindle Fire HD vuole generare un’esperienza immersiva. The Verge spera che le promesse siano all’altezza, visto che il browser Silk (accelerato dal cloud) è stato una promessa non mantenuta. Ma il Kindle Fire HD non vuole sfidare iPad: ha scelto altre dimensioni, 8.9 pollici con 16:10, per essere un Kindle Fire ampliato, e non per concorrere contro iPad a 9.7 pollici con 4:3. Kindle Fire HD punta ad essere un tablet per film e gaming mobile, e non vuole sconfinare nel territorio Pc. Ma su una cosa, Amazon sfida Apple: sul 4G, con piani tariffari abbordabili e non da infarto. Bezos ha infine presentato la “dottrina di Amazon”: l’azienda deve allineare gli incentivi con le esigenze dei clienti, perch l’azienda vince quando i clienti vincono. Dalla scelta hardware ai prezzi, tutto è in funzione dell’utente finale, la cui felicità ha un impatto sul destino dell’azienda. Per 15 dollari gli utenti potranno elininare la pubblicità sul Kindle Fire, con un semplice opt-out. Kindle Fire HD avrà un‘app nativa di Facebook mentre per il motore di ricerca delegherà a Bing. In conclusione, Kindle Fire HD è un dispositivo per il futuro del consumo di media e non del computing. Amazon vincerà la sfida combinando prezzi basi e vendite alte. Amazon crea prodotti che invogliano a comprare. Amazon è un immenso store, e Kindle Fire è il mezzo con cui Jeff Bezos invita gli utenti a non lasciare mai il suo negozio, ma a ritornarci sempre. Questa è la forza della filosofia di Jeff Bezos e la chiave della strategia di Amazon. Le società di analisi si sono espresse sui nuovi Kindle Fire. Gartner ha definito il keynote di Jeff Bezos non un annuncio di prodotti ma “una dichiarazione di guerra“: d’ora in poi Apple non potrà ignorare le mosse di Amazon. Ovum ha spiegato che “Il prezzo è sicuramente competitivo e se le specifiche hardware saranno performanti come annunciato, dovrebbe essere davvero un buon affare”. Il titolo di Amazon è balzato del 50% quest’anno.

amazon-kindle-fire-hd

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore